Differenze tra le versioni di "Lettera a Diogneto/VII"

m
nessun oggetto della modifica
m (New page: {{cristianesimo |NomeCognome=Anonimo |TitoloOpera=Lettera a Diogneto |NomePaginaOpera=Lettera a Diogneto |AnnoPubblicazione=II secolo d.C. |TitoloSezione=L'anima del mondo }} {{capitolo |C...)
 
m
|NomePaginaOpera=Lettera a Diogneto
|AnnoPubblicazione=II secolo d.C.
|TitoloSezione=L'animaDio dele mondoil Verbo
}}
{{capitolo
|CapitoloPrecedente=VVI
|NomePaginaCapitoloPrecedente=Lettera a Diogneto/VVI
|CapitoloSuccessivo=VIIVIII
|NomePaginaCapitoloSuccessivo=Lettera a Diogneto/VII
}}
1. Infatti, come ebbi a dire, non è una scoperta terrena da loro tramandata, né stimano di custodire con tanta cura un pensiero terreno né credono all'economia dei misteri umani.
1. A dirla in breve, come è l'anima nel corpo, così nel mondo sono i cristiani.
 
2. Ma quello che è veramente signore e creatore di tutto e Dio invisibile, egli stesso fece scendere dal cielo, tra gli uomini, la verità, la parola santa e incomprensibile e l'ha riposta nei loro cuori. Non già mandando, come qualcuno potrebbe pensare, qualche suo servo o angelo o principe o uno di coloro che sono preposti alle cose terrene o abitano nei cieli, ma mandando lo stesso artefice e fattore di tutte le cose, per cui creò i cieli e chiuse il mare nelle sue sponde e per cui tutti gli elementi fedelmente custodiscono i misteri. Da lui il sole ebbe da osservare la misura del suo corso quotidiano, a lui obbediscono la luna che splende nella notte e le stelle che seguono il giro della luna; da lui tutto fu ordinato, delimitato e disposto, i cieli e le cose nei cieli, la terra e le cose nella terra, il mare e le cose nel mare, il fuoco, l'aria, l'abisso, quello che sta in alto, quello che sta nel profondo, quello che sta nel mezzo; lui Dio mandò ad essi.
2. L'anima è diffusa in tutte le parti del corpo e i cristiani nelle città della terra.
 
3. Forse, come qualcuno potrebbe pensare, lo inviò per la tirannide, il timore e la prostrazione?
3. L'anima abita nel corpo, ma non è del corpo; i cristiani abitano nel mondo, ma non sono del mondo. L'anima invisibile è racchiusa in un corpo visibile; i cristiani si vedono nel mondo, ma la loro religione è invisibile.
 
4. No certo. Ma nella mitezza e nella bontà come un re manda suo figlio, lo inviò come Dio e come uomo per gli uomini; lo mandò come chi salva, per persuadere, non per far violenza. A Dio non si addice la violenza.
5. La carne odia l'anima e la combatte pur non avendo ricevuto ingiuria, perché impedisce di prendersi dei piaceri; il mondo che pur non ha avuto ingiustizia dai cristiani li odia perché si oppongono ai piaceri.
 
5. Lo mandò per chiamare non per perseguitare; lo mandò per amore non per giudicare.
6. L'anima ama la carne che la odia e le membra; anche i cristiani amano coloro che li odiano.
 
6. Lo manderà a giudicare, e chi potrà sostenere la sua presenza?
7. L'anima è racchiusa nel corpo, ma essa sostiene il corpo; anche i cristiani sono nel mondo come in una prigione, ma essi sostengono il mondo.
 
7. Non vedi (i cristiani) che gettati alle fiere perché rinneghino il Signore, non si lasciano vincere?
8. L'anima immortale abita in una dimora mortale; anche i cristiani vivono come stranieri tra le cose che si corrompono, aspettando l'incorruttibilità nei cieli.
 
8. Non vedi, quanto più sono puniti, tanto più crescono gli altri?
9. Maltrattata nei cibi e nelle bevande l'anima si raffina; anche i cristiani maltrattati, ogni giorno più si moltiplicano.
 
9. Questo non pare opera dell'uomo, ma è potenza di Dio, prova della sua presenza.
10. Dio li ha messi in un posto tale che ad essi non è lecito abbandonare.
{{capitolo
|CapitoloPrecedente=VVI
|NomePaginaCapitoloPrecedente=Lettera a Diogneto/VVI
|CapitoloSuccessivo=VIIVIII
|NomePaginaCapitoloSuccessivo=Lettera a Diogneto/VII
}}
33 373

contributi