Sonetti romaneschi/La bbella Ggiuditta: differenze tra le versioni

Correzione pagina via bot
(Porto il SAL a SAL 75%)
(Correzione pagina via bot)
{{Qualità|avz=75%|data=18 aprile 2010|arg=Sonetti}}
{{IncludiIntestazione|sottotitolo=La bbella Ggiuditta|prec=../Ar Tenente de li scivichi|succ=../Er mariggnano}}{{capitolo
|CapitoloPrecedente=Ar Tenente de li scivichi
|NomePaginaCapitoloPrecedente=../Ar Tenente de li scivichi
|CapitoloSuccessivo=Er mariggnano
|NomePaginaCapitoloSuccessivo=../Er mariggnano
}}
<poem>
Disce l’Abbibbia Sagra che Ggiuditta
che appena j’ebbe chiuse le lenterne <ref>Gli occhi. </ref>
tra er beve e lo schiumà dde la marmitta,
cor un corpo<ref>Colla o stretta: colpo. </ref> da fia<ref>Figlia. </ref> de {{acAc|Mastro Titta}}
lo mannò a ffotte in ne le fiche eterne:
 
{{Sezione note}}
 
{{capitolo
|CapitoloPrecedente=Ar Tenente de li scivichi
|NomePaginaCapitoloPrecedente=../Ar Tenente de li scivichi
|CapitoloSuccessivo=Er mariggnano
|NomePaginaCapitoloSuccessivo=../Er mariggnano
}}
{{Conteggio pagine|[[Speciale:Statistiche]]}}
362 077

contributi