Differenze tra le versioni di "Rime (Guittone d'Arezzo)/Dolze vertù, mansuetudo, e degna"

Correzione pagina via bot
(Correzione pagina via bot)
<poem>
Dolze vertù, mansuetudo, e degna,
e amatissim'aamatissim’a tutti, e graziosa,
no ira mai 'n’n te, né scandal regna,
{{R|4}}ma nel mezzo di guerra 'n’n pace hai posa;
ed in terr'edterr’ed in ciel gaudi tu'tu’ regna,
e non già t'èt’è nemic'alcunanemic’alcuna cosa.
Ira, la qual contrar'acontrar’a te s'assegnas’assegna,
{{R|8}}che piò che fera quasi è feriosa,
te deletta, te chere, e te s'enchinas’enchina,
a ciò che tu li aiuti onne su'su’ ardore;
{{R|11}}e dolcissima lei se'se’ medicina.
Oh, quanto è bono tuo, quanto bellore!
Sì come naso a viso e tu a dottrina,
{{R|14}}tu, di costumi ornament'eornament’e colore.
</poem>
{{Conteggio pagine|[[Speciale:Statistiche]]}}
362 077

contributi