Differenze tra le versioni di "Rime (Guittone d'Arezzo)/Mante stagione veggio"

Correzione pagina via bot
m
(Correzione pagina via bot)
 
<poem>
Tuttor, s'eos’eo veglio o dormo,
de lei pensar non campo,
ch'amorech’amore 'n’n cor m'attaccam’attacca;
e quel voler ho d'ord’or, mo,
{{R|5}}com di zappare 'n’n campo,
o di credere a tacca;
e ben sapemi, como
eo n’acquistasse ch’omo.
eo n'acquistasse ch'omo.
{{R|10}}Ma che deritto n'hon’ho?
Perch'eoPerch’eo non dico no
de lei servir mai dì:
dica chi vol: mal di'di’.
Bon ho deritto, so; ma
{{R|15}}se 'n’n amar lei m'adducom’adduco
del cor tutto e de l'almal’alma,
perch'èperch’è di valor somma,
eh, che piacere duco!
Dat'hoDat’ho amor de l'almal’alma,
{{R|20}}che più m'ham’ha, ma'ma’ che sé.
Ciò dia saver; ché, se
tor n'hon’ho suo pregio magno,
per me onta magn'homagn’ho;
che sì ben m'amim’ami, a dobbio
{{R|25}}me'me’ al cert'ècert’è, che dobbi'hodobbi’ho.
Om che pregio ama e po,
più che lègger en scola,
{{R|30}}a passar senza scola,
che lo mondo ad om pro
senz'amoresenz’amore, che dà
core e bisogno, da
sprovar valore e forzo;
se val, non varrea già.
Amor già per la gioia
che 'nde’nde vegna, non laudo,
{{R|40}}quanto per lo travaglio.
Ché per aver la gioia
ch'èch’è tal, sua par no l'audol’audo,
ver ch'eoch’eo varrea, travaglio,
s'eos’eo la tenesse ad agio
{{R|45}}bene sempre a meo agio:
poi tutte gioi l'oml’om ha,
varrea, non vale oma'oma’:
terrà 'l’l grand'agiogrand’agio vile,
perché tal gioi'gioi’ mal vil è.
{{R|50}} Poso e travaglio mesto,
dato e tolto a bon modo,
sempre 'n’n piacere è me;
e de ciascun me sto
sì bonamente a modo,
{{R|55}}che gran pagament'èpagament’è 'n’n me.
E val, sembrame, meglio,
quanto riso ver meglio,
sperar, ch'averch’aver d'amicad’amica;
ché poi n'han’ha, no 'nd'ha’nd’ha mica,
{{R|60}}ver che sperava averne;
e de gran state a vern'èvern’è.
Scuro saccio che par lo
meo detto; ma che parlo
a chi s'entend'as’entend’a me;
{{R|65}}ché lo 'ngegno’ngegno mio dà me
che me pur prove 'n’n onne
manera, e talent'honnetalent’honne.
Move, canzone, adessa,
e va en Arezzo ad essa,
{{R|70}}da cui eo tegno ed ho
se 'n’n alcun ben me do;
e di che presto so
de tornar, se vol, so.
362 077

contributi