Differenze tra le versioni di "Rime (Guittone d'Arezzo)/Altro che morte ormai non veggio sia"

Correzione pagina via bot
(Correzione pagina via bot)
Altro che morte ormai non veggio sia
de lo dolore meo trapassamento;
ch'eoch’eo biasmo e laudo e vogli'evogli’e non vorria
{{R|4}}che d'amard’amar lei partisse el meo talento.
Ché pur contendo co la voglia mia,
onde mi trovo, lasso, ognora vento;
e poi che veggio che scampar non dia
{{R|8}}giammai, non faccio alcun difendimento.
Poi morir deggio, dirò che m'amortam’amorta
quella, ch'onorech’onore e valor e piacere
{{R|11}}e beltate sovra tutt'altretutt’altre porta,
e crudeltate e fierezza e volere
de darmi morte sì, che non mi apporta
{{R|14}}amor servire né pietà cherere.
</poem>
{{Conteggio pagine|[[Speciale:Statistiche]]}}
362 077

contributi