Differenze tra le versioni di "Rime (Guittone d'Arezzo)/Gioia d'onne gioi e - movimento"

Correzione pagina via bot
(Correzione pagina via bot)
 
<poem>
Gioia d'onned’onne gioi e - movimento,
non mi repento, - se villan so stato,
né curucciato - voi; che però sento
{{R|4}}a me 'l’l talento - vostro umiliato.
Che 'n’n ciò fui dato - solo a 'ntendimento’ntendimento
del valimento - quale è 'n’n me tornato;
e ho parlato - contra sapimento,
{{R|8}}ché piacimento - sol ho en voi trovato.
E se gravato - m'avetem’avete sovente,
sì dolcemente - m'avem’ave trapagato
{{R|11}}lo vosto orrato - dir, che son galdente.
du'du’ piagente - v'èv’è, verrò di grato,
e siame dato - ciò che più v'èv’è gente,
{{R|14}}che più cherente - non serò trovato.
</poem>
{{Conteggio pagine|[[Speciale:Statistiche]]}}
362 077

contributi