Differenze tra le versioni di "In gioi mi tegno tutta la mia pena"

Correzione pagina via bot
(Assegno l'opera al Progetto Duecento via bot)
(Correzione pagina via bot)
In gioi mi tegno tut[t]a la mia pena
e contolami in gran bonaventura;
come Parisi quando amav'amav’ Alena,
così fac[c]io, membrando per ogn'uraogn’ura.
Non cura - lo meo cor s'às’à pene,{{R|5}}
membrando gioi che vene,
quanto più dole ed ell'aell’a[ve] più dura.
Null'omoNull’omo credo c'amic’ami lealmente
che tema pene inver sua donna c'amac’ama:
amante è che ama falsamente{{R|10}}
quandunque vede un poco e che più brama,
e chiama - tut[t]avia mercede,
e già mai non si crede
c'Amorc’Amor conosca il male c'altruic’altrui inflama.
Però la tegno grande scanoscenza{{R|15}}
chi rimprocc[i]a a l'Amorel’Amore i suo'suo’ tormenti,
chè non è gioi che si venda in credenza
nè per forza di pene c'altruic’altrui senti.
Non menti - a quelli che son suoi,
anti li dona gioi,{{R|20}}
come fa buon segnore a suo serventi.
Dunque, madonna, ben facc[i]o ragione
s'ios’io vi conto le pene ch'ioch’io patia.
Ancora chi agia avuto guiderdone
de la più ric[c]a gioia che 'n’n voi sia,{{R|25}}
vor[r]ia, - bella, a poco a poco
con voi rintrare in gioco,
com'iocom’io son vostro e voi, madonna mia.
Or ti rimembri, bella, a quello punto
ched io ti presi ad amare [a] coragio:{{R|30}}
da poi che gravemente m'agiem’agie punto,
tut[t]a la pena ben mi pare chi agio.
Ben agio, - amore, e vo'vo’ serviri,
e tragendo martiri,
e non cangio per nulla gioia c'agioc’agio.{{R|35}}
</poem>
 
362 077

contributi