Differenze tra le versioni di "De la vωlgare εlωquεnzia/Libro I"

Altri due capitoli
m
(Altri due capitoli)
 
 
{{nbsp|5}}Dωpω questi vegniamω a li Tωscani, i quali per la lωrω pazia insensati, pare, che arrωgantemente s’attribuiscanω il titωlω del vulgare Illustre; εt in questω nωn sωlamente la ωpiniωne de i plebεi impazisse; ma ritruovω mωlti huomini famω∫i haverla havuta; cωme fu {{Ac|Guittone d'Arezzo|Guittωne d’Arezω}} il quale nωn si diede mai al vωlgare Cωrtigianω, {{Ac|Bonagiunta Orbicciani|Bωnagiunta da Luca}}, Gallω Pi∫anω, Minω Mωcatω Sene∫e, Brunettω Fiωrentinω, i detti de i quali, se si harà tempω di εxaminarli, nωn Cωrtigiani, ma proprii de le lωrω cittadi εssere si ritrωverannω. Ma cωnciò sia, che i Tωscani sianω più de lj altri in questa εbbriεtà furibωndi, ci pare co∫a utile, ε degna torre in qualche co∫a la pωmpa a ciascunω de i vωlgari de le città di Tωscana. I Fiωrentini parlanω, ε dicωnω: ''Manichiamω introque nωn facciamω altrω.'' I Pi∫ani, ''Bεne andonnω li fanti di Fiωrεnza per Pi∫a.'' I Luche∫i, ''Fò vωtω a Diω, che in gassaria εje lω cωmunω di Luca.'' I Sene∫i, ''<big><big>ω</big></big>nche rinegata havessi iω Siεna.'' Gli Arεtini, ''Votu venire ωvεlle.'' De Perugia, Orbiεttω, Vitεrbω, ε città Castellana, per la vicinità, che hannω cωn Rωmani, ε Spωletani, nωn intεndω dir nulla. Ma cωme che qua∫i tutti i Tωscani sianω nel lωrω bruttω parlare ωttu∫i, nωn di menω ho vedutω alcuni haver cωnω∫ciutω la εxcellenzia del vulgare, cioὲ {{Ac|Guido Cavalcanti|Guidω}}, {{Ac|Lapo Gianni|Lapω}}, ε un altrω, Fiωrentini, ε {{Ac|Cino da Pistoia|Cinω Pistωje∫e}}, il quale al pre∫εnte indegnamente pωspωnemω, nωn indegnamente cωnstretti. Adunque se εxamineremo le lωquεle Tωscane, ε cωnsidereremω cωme li homini mωltω hωnωrati si sianω da εsse lωrω prωprie partiti, nωn resta in dubbiω, che il vulgare, che nωi cerchiamω, sia altrω, chε quellω, che hannω i popωli di Tωscana. Se alcunω poi nωn pensasse, che quellω, che nωi affermiamω de i Tωscani, sia da affirmare de i Genωve∫i, questω sωlω cωstui cωnsideri, che se i Gεnωve∫i per dimenticanza perdessenω il z, lettera, bi∫ognerεbbe lωrω, over εssere tωtalmente muti, over trovare una nuova lωcuziωne, perciò, che il z ὲ la maggiωr parte de il lωrω parlare, la qual lettera nωn si può senωn cωn mωlta asperità prωferire’.<!-- rilettura effettuata fin qui. -->
 
 
 
 
{{nbsp|5}}Passiamω hora le frωndute spalle de l’Appenninω, εt investigniamωinvestighiamω tutta la sinistra parte de Italia, cωminciandω, cωme fare sωlemω, a levante. Intrandω adunque ne la Rωmagna, dicemω, che in ITaliaItalia habbiamω ritrovati dui vωlgari, l’unω a l’altrω cωn cεrti cωnvenevωli cωntrarii ωppostω, de li quali unω tantω feminile ci pare per la mωlizia de i vωcabuli, ε de la prωnunzia, che un homω (anchωra che virilmente parli) ὲ tenutω fεmina; questω vωlgare hannω tutti i Rωmagnuoli, ε specialmente i Fωrlive∫i, la Città de i quali, avεgna che nωvissima sia, nωn di menω pare εsser posta nel mεçω di tutta la prωvinzia; Questi affermandω dicωnω ''deu∫cìdeu∫ci'', εt facεndω careze soljωnω dire, ''oclω mεω'', ε ''cωrada mεa''. Bεne habbiamω inte∫ω, che alcuni di cωstωrω ne i pωεmi lωrω si sωnω partiti dal suω propriω parlare, cioὲ Thωma∫ω, εt Ugωlinω Bucciωla Faentini. L’altrω de i dui parlari, che havemω dettω, ὲ talmente di vωcabωli, εt accεnti hirsutω εt ispidω, che per la sua rωça asperità, nωn sωlamente discωnza una donna, che parli, ma anchωra fa dubitare, s’ella ὲ homω. Questω tale hannω tutti quelli, che dicωnω ''manara'', cioὲ, Bressani, Verωne∫i, ε Vicentini, εt anchω i Padωani, i quali in tutti i participii in ''tus'', ε denωminativi in ''tas'', fannω brutte syncωpe, cωme ὲ mεrcò, ε bωntὲ; cωn questi pωnemω εziandiω i Trivigiani, i quali al modω de i Bressani, ε de i suoi vicini, prωferiscωnω lω v, cωnsωnante, per f, remωvεndω l’ultima syllaba; cωme ὲ ''nòf'', per nove; ''vif'', per vivω; Il che veramente ὲ barbarissimω, ε riprωvianlω. I Veneziani anchωra nωn sarannω degni de l’hωnωre de lω investigatω vωlgare, ε se alcun de lωrω spintω da εrrωre in questω vanegiassevaneggiasse, ricordisi se mai disse; ''per le plage di Diω tu nωn venras''; tra i quali habbiamω vedutω unω, che si ὲ sfωrzatω partire dal suω matεrnω parlare, ε ridursi al vωlgare Cωrtigianω, ε questω fu Brandinω Padωanω. La ωnde tutti quelli del pre∫εnte capitωlω cωmparεndω a la sentεnzia, diterminiamω, che nέ il Rωmagnuolω, nέ il suω cωntrariω, cωme si è dettω, nέ il Venezianω sa quellω Illustre vωlgare, che cerchiamω.
 
 
 
 
{{nbsp|5}}Hora si sfωrzeremω, per εxpedir∫i, a cercare quellω, che de la Italica sylva ci rεsta. Dicemω adunque, che forse nωn hannω havuta mala ωpiniωne’ cωlωrω, che affermanω, che i Bωlωgne∫i cωn mωltω bεlla lωquεla ragiωnanω; cωnciò sia, che da lj Imωle∫i, Ferrare∫i, ε Mωdene∫i, qualche co∫a al lωrω propriω parlare aggiunganω, che tutti sì cωme havemω mωstratω, piglianω da i lωrω vicini, cωme {{Ac|Sordello da Goito|Sωrdellω}} dimωstra la ∫ua Mantωa, che cωn Cremωna, Bressa, ε Verωna cωnfina; Il qual homω fu tantω in εlωquεnzia, che nωn sωlamente ne i pωεmi, ma in ciascun modω, che parlasse, il vωlgare de la sua patria abandωnò. Piljanω anchωra i prefati cittadini la leggereza, ε la mωlizie da lj Imωle∫i ε da i Ferrare∫i, ε Mωdene∫i una cεrta lωquacità, la quale ὲ propria de i Lωmbardi; Questa per la mescωlanza de i Lωngωbardi fωrestieri crediamω εssere rima∫a ne lj homini di quei pae∫i; ε questa ὲ la ragiωne, per la quale nωn ritrωviamω, che niunω, nέ Ferrare∫e, nέ Mωdene∫e, nέ Regianω, sia statω pωεta; perciò, che assuefatti a la propria lωquacità, nωn possωnω per alcun modω sεnza qualche accrebitàaccerbità al vωlgare Cωrtigianω venire; il che mωltω maggiωrmente de i Parmigiani ὲ da pensare, i quali dicωnω ''mωntω'' per ''mωltω''. Se adunque i Bωlωgne∫i, da l’una, ε da l’altra parte piljanω, cωme ὲ dettω, ragiωnevωle co∫a ci pare, che il lωrω parlare per la mescωlanza de lj ωppo∫iti rimanga di laudabile sωavitàsuavità tempεratω. Il che per giudiciω nostrω sεnza dubbiω εssere crediamω. Verω ὲ, che se quelli, che prepongωnω il vulgare sermωne de i Bωlωgne∫i, nel cωmpararli, essi hanno cωnsideraziωne sωlamente a i vωlgari de le città de Italia, vωlentiεri si cωncωrdiamω cωn lωrω; ma se stimanω simplicemente il vωlgare Bωlωgne∫e εssere da preferire, siamω da εssi differεnti, ε discordi;erciò, che elji nωn ὲ quellω, che nωi kiamiamω Cωrtigianω, εt Illustre; che s’el fωsse quellω, il Maximω {{Ac|Guido Guinizelli|Guidω Guinicεlli}}, Guidω Ghisliεrω, Fabriziω, εt Hωnεstω, εt altri pωεti, nωn sarianω mai partiti da essω; perciò, che furωnω Dωttωri Illustri, ε di piεna intelligεnzia, ne le c∫eco∫e vωlgari. Il Maximω Guidω, ''Madωnna il fermω chore’'', Fabriciω, ''Lω miω lωntanω gire’'', Hωnεstω, ''Più nωn attεndω il tuω sωccωrsω Amωre’''; Le quali parole sωnω in tuttω divεrse da le proprie Bωlωgne∫e. Hora perché nωi nωn crediamω, che alcunω dubiti idi quelle città, che sωnω poste ne le εxtremità d’Italia, ε se alcunω pur dubita, nωn lω stimiamω degnω de la nostra sωluziωne, però pocω ci rεsta ne la mia discussiωne da dire; la ωnde di∫iandω di depωrre il crivεllo, acciò, che tostω veggiamω quellω, che in essω ὲ rima∫ω; dicω, che Trεntω, ε Turinω, εt Alexandria città, sωnω tantω prωpinque a i termini d’Italia, che nωn ponnω havere pura lωquεla; tal, che se cωsì cωme hannω bruttissimω vωlgare, cωsì l’havessenω bellissimω anchωra negherεi essω εssere veramente Italianω, per la mescωlanza, che ha de lj altri. <big><big>ε</big></big> però se cerchiamω il parlare Italianω Illustre, quellω, che cerchiamω, nωn si può in esse città ritrωvare’.<!-- rilettura effettuata fin qui. -->