Differenze tra le versioni di "Discussioni Wikisource:Cosa mettere su Wikisource"

 
Grazie mille, allora da oggi ci mettiamo al lavoro.A presto--[[User:Liceo Ginnasio Rosmini|Liceo Ginnasio Rosmini]] ([[User talk:Liceo Ginnasio Rosmini|disc.]]) 08:27, 11 mag 2010 (CEST)
 
== PER COLORO CHE NON SANNO ESATTAMENTE COSA SIANO I CAVALIERI DI MALTA DEL GRAN PRIORATO MELITENSE O.S.J., VORREI ESPRIMERE IL NOSTRO PENSIERO MORALE VERSO L’ESSERE UMANO IN GENERALE ==
 
PER COLORO CHE NON SANNO ESATTAMENTE COSA SIANO I CAVALIERI DI MALTA DEL GRAN PRIORATO MELITENSE O.S.J., VORREI ESPRIMERE IL NOSTRO PENSIERO MORALE VERSO L’ESSERE UMANO IN GENERALE.
 
L’uomo è eminentemente sociabile, egli tende alla perfezione.
E’ cosciente che il solo mezzo per poter raggiungere la vetta, che il creatore gli ha prescritto nella società, non è altro che la morale.
Praticare il bene, compiere il proprio dovere e essere a posto con la propria coscienza, sono le tre basi fondamentali di questo mezzo sublime.
Lo scopo della morale dei Cavalieri di malta, come di ogni essere umano, è di regolare tutta la propria vita, mettendo in movimento le grandi facoltà dell’anima: sensibilità, intelligenza e volontà.
Applicare queste tre regole, porta l’individuo a fare per i propri simili, quello che non vorrebbe gli venisse fatto, e di astenersi da qualunque azione perniciosa e spiacevole, verso il prossimo.
Osservando gli elementi della morale vi troviamo necessariamente comprese nozioni di libertà, uguaglianza, diritto, fraternità e verità.
Questi principi sono così strettamente legati tra di loro, tanto che una senza l’altra sarebbe una parodia, e se le estrapoliamo, la morale non avrebbe corrispondenza con le sue basi costitutive ed essa non sarebbe altro che un nome convenzionale, per servire da copertura ad una società corrotta, appassita e rimasta in decadenza.
Per far si che questi principi trionfino, con l’aiuto dei quali solamente, possiamo vivere come società, i Cavalieri di Malta hanno lottato dall’alba dei tempi e lottano tutt’ora.
I Cavalieri di Malta, nei secoli hanno attraversato grandissime difficoltà, hanno sempre usato tutti i mezzi onesti e compatibili con il sacro dovere che si sono imposti, cercando d’essere e divenendo gli apostoli della morale pubblica e privata e per raggiungere questo obiettivo, non hanno neppure risparmiato il sangue di molti Cavalieri per aiutare l’umanità.
Molti bisognosi di quasi tutti gli Stati si sono riscaldati ai raggi di questo sole di solidarietà e anche Paesi quasi irraggiungibili hanno usufruito, e stanno usufruendo dei questi benefici aiuti.
Molti cittadini d’Ogni Nazione seguendo l’esempio dei Cavalieri di Malta, animati dagli stessi interessi morali, hanno visto, quanto si è potuto fare fino ad ora, e per il bene della loro Patria e dell’umanità’ hanno aderito divenendo a loro volta dei Cavalieri di Malta, impegnandosi con grande devozione e serietà in questa lotta comune della solidarietà.
SEMPRE IN SAN GIOVANNI
Don Renzo Pampalon
Utente anonimo