Differenze tra le versioni di "Sonetti romaneschi/Primo, nun pijjà er nome de Ddio in vano"

Porto il SAL a SAL 75%
m (Edit by Alebot)
(Porto il SAL a SAL 75%)
{{Qualità|avz=2575%|data=1430 giugnoaprile 20092010|arg=Sonetti}}
{{IncludiIntestazione|sottotitolo=Primo, nun pijjà er nome de Ddio in vano}}{{capitolo
|CapitoloPrecedente=Poveretti che mmoreno pe le campagne
 
Roma, 12 novembre 1831 - D’er medemo
 
<!--
1 Equivalenti per chi vuole e non vuole bestemmiare. 2 La pianta principale del cavolo-broccolo in Roma è detta una cima, e i suoi rigermogli cacchi. Quindi la morale dell’Offendi i minori e rispetta i grandi. 3 Vacci col bimolle, adagio, tenuamente. 4 Una donna che siasi usurpata l’autorità dell’uomo, dicesi in Roma essersene messa i calzoni: e perciò qui Cristo deve riprendersi i suoi calzoni, poiché presso il volgo di questa città la Madonna va sempre dinnanzi al figliuolo, ed anche al padre del figliuolo. 5 Legami delle calze attorno a’ ginocchi: qui «perder pazienza». 6 Sinonimo di «bestemmia».
-->
 
{{Sezione note}}