Differenze tra le versioni di "Pagina:Sotto il velame.djvu/337"

nessun oggetto della modifica
 
Corpo della pagina (da includere):Corpo della pagina (da includere):
Riga 14: Riga 14:
 
<section end=1 />
 
<section end=1 />
 
<section begin=2 />
 
<section begin=2 />
  +
{{Centrato|<big>II.</big>}}
II.
 
  +
II corto andare e il cammino della vita attiva o
 
del mondo; 1'altro viaggio e quello della vita con-
+
Il corto andare è il cammino della vita attiva o del mondo; l'altro viaggio è quello della vita contemplativa o di Deo. Virgilio guiderà Dante in questo viaggio dal passo della selva, cioè dell'Acheronte,
templativa o di Deo. Virgilio guiderk Dante in questo
 
viaggio dal passo della selva, cioe dell'Acheronte,
 
 
<section end=2 />
 
<section end=2 />
Lete. San Bernardo dice che il foro nella pietra e rifugio jK;r i
 
piu gravi peccati. Peccavi peccatumgrande, turbatur conscientia,
 
sed non pertitrbabitur, quoniam vulnerum Domini recordabor.
 
Quid lam ad mortem quod non Christi morte salvetitr ? E
 
parla di Caino. Ora Dante quando si mette nella natural bu-
 
rella ha veduto i peggiori peccati, e ha passato non solo la Caina ma la Giudecca. - (i) Par. XVII 124 e seg.
 
Utente anonimo