Differenze tra le versioni di "Pagina:Sotto il velame.djvu/28"

nessun oggetto della modifica
Corpo della pagina (da includere):Corpo della pagina (da includere):
Riga 5: Riga 5:
 
meco il menava in dritta parte volto.</small></poem>}}
 
meco il menava in dritta parte volto.</small></poem>}}
 
Quando quelli occhi giovinetti si furono serrati, allora
 
Quando quelli occhi giovinetti si furono serrati, allora
Dante volse i passi suoi per via non vera. Ora, perchè il pensiero di Dante è che l'adolescenza ha bisogno di chi mostri il buon cammino, egli dicendo d'aver avuto chi glielo mostrava, viene a dire che era allora adolescente: adolescente, quando era sostenuto dal volto di Beatrice viva; adolescente, quando, come egli confessa, <ref>{{TestoCitato|Divina Commedia/Purgatorio/Canto XXXI#33|Purg. XXXI 34segg.}}
+
Dante volse i passi suoi per via non vera. Ora, perchè il pensiero di Dante è che l'adolescenza ha bisogno di chi mostri il buon cammino, egli dicendo d'aver avuto chi glielo mostrava, viene a dire che era allora adolescente: adolescente, quando era sostenuto dal volto di Beatrice viva; adolescente, quando, come egli confessa, <ref>{{TestoCitato|Divina Commedia/Purgatorio/Canto XXXI#33|Purg. XXXI 34segg.}}</ref>
 
{{Centrato|<poem><small>le presenti cose
 
{{Centrato|<poem><small>le presenti cose
 
col falso lor piacer volser miei passi,
 
col falso lor piacer volser miei passi,
1 377

contributi