Differenze tra le versioni di "Pagina:Zibaldone di pensieri V.djvu/426"

m
Edit by Alebot
m (Edit by Alebot)
Corpo della pagina (da includere):Corpo della pagina (da includere):
Riga 2: Riga 2:




{{ZbPensiero|3490/1}} Non si dà nella orazione, qualunque ella sia, tratto veramente sublime, in cui il lavoro non ceda di grandissima lunga alla materia, cioè dove l’altezza e il pregio del pensiero, dell’immagine, e simili, non vinca d’assaissimo la nobiltà, l’eleganza, e il pregio dell’espressione e dello stile. Una sola virtú dell’espressione può e deve, in un luogo ch’abbia ad esser sublime, andar di pari coll’altezza del concetto, e questa si è la semplicità, o vogliamo dir la naturalezza e l’apparenza della sprezzatura (21 settembre 1823). <section end=1 /><section begin=2 />{{ZbPagina|3491}}
{{ZbPensiero|3490/1}} Non si dà nella orazione, qualunque ella sia, tratto veramente sublime, in cui il lavoro non ceda di grandissima lunga alla materia, cioè dove l’altezza e il pregio del pensiero, dell’immagine, e simili, non vinca d’assaissimo la nobiltà, l’eleganza, e il pregio dell’espressione e dello stile. Una sola virtú dell’espressione può e deve, in un luogo ch’abbia ad esser sublime, andar di pari coll’altezza del concetto, e questa si è la semplicità, o vogliamo dir la naturalezza e l’apparenza della sprezzatura (21 settembre 1823). <section end=1 /><section begin=2 />{{ZbPagina|3491}}


{{ZbPensiero|ZbPensiero}}Θαυμα οὐδέν ἐστι μὲ ταῦJ οὕτω λέγει, (Isacco Casaub. scrive οὐδὲν ἐστί με) Καὶ ἁνδάνειν αὐτοῖσιν αὐτοὺς καὶ δοκεῖν Καλῶς πεφυκέναι καὶ γὰρ ἁ κύων κυνὶ Κάλλιστον εἶμεν φαίνεται, καὶ βοῦς βο, Ὄνος δὲ ὄνῳ κάλλιστον, ὗς δὲ ὑ (il medesimo legge Ὄνος δ ὄνῳ κάλλιστόν ἐστιν, ὗς δ ὑ). Epicarmo comico dell’antica commedia, Coo di patria, ma vissuto in Sicilia, contemporaneo di Gerone tiranno. Frammento recato da Alcimo appresso Diog. Laerz. in Plat. lib.3. segm.16. p. 175. ed. Amstel. 1692. Wetsten (21 settembre Festa di Maria SS. Addolorata. 1823).


{{ZbPensiero|3491/1}}Θαυμα οὐδέν ἐστι μὲ ταῦJ οὕτω λέγει, (Isacco Casaub. scrive οὐδὲν ἐστί με) Καὶ ἁνδάνειν αὐτοῖσιν αὐτοὺς καὶ δοκεῖν Καλῶς πεφυκέναι καὶ γὰρ ἁ κύων κυνὶ Κάλλιστον εἶμεν φαίνεται, καὶ βοῦς βο, Ὄνος δὲ ὄνῳ κάλλιστον, ὗς δὲ ὑ (il medesimo legge Ὄνος δ ὄνῳ κάλλιστόν ἐστιν, ὗς δ ὑ). Epicarmo comico dell’antica commedia, Coo di patria, ma vissuto in Sicilia, contemporaneo di Gerone tiranno. Frammento recato da Alcimo appresso Diog. Laerz. in Plat. lib.3. segm.16. p. 175. ed. Amstel. 1692. Wetsten (21 settembre Festa di Maria SS. Addolorata. 1823).


{{ZbPensiero|3491/1}} ''Rasito as'' da ''rado is - rasus'', frequentativo. Il continuativo si trova in francese, cioè ''raser'', che resta in luogo del positivo, mancante in quella lingua (22 settembre 1823). Vedi ancora nello spagnuolo, ''arrasar''.


{{ZbPensiero|3491/2}} ''Rasito as'' da ''rado is - rasus'', frequentativo. Il continuativo si trova in francese, cioè ''raser'', che resta in luogo del positivo, mancante in quella lingua (22 settembre 1823). Vedi ancora nello spagnuolo, ''arrasar''.



{{ZbPensiero|3491/2}} Alla p. precedente. I timidi (cioè paurosi della vergogna, soggetti alla δυσωπία, ''mauvaise honte'') non solo sono capaci di non temere né fuggire il pericolo,<section end=2 />
{{ZbPensiero|3491/3}} Alla p. {{ZbLink|precedente}}. I timidi (cioè paurosi della vergogna, soggetti alla δυσωπία, ''mauvaise honte'') non solo sono capaci di non temere né fuggire il pericolo,<section end=2 />
362 077

contributi