Differenze tra le versioni di "Pagina:Zibaldone di pensieri II.djvu/312"

nessun oggetto della modifica
m (Edit by Alebot)
Corpo della pagina (da includere):Corpo della pagina (da includere):
Riga 1: Riga 1:
<section begin=1 /><!--{{ZbPagina|960}}--><noinclude>’uomo, </noinclude>facendo conoscere come sotto tutti i riguardi, ed in tutte le circostanze possibili della vita, agisca quell’unico principio ch’é l’amor proprio, e come tutti gli effetti della vita umana sieno proporzionati alla maggiore o minor forza, maggiore o minor debolezza, e diversa direzione di quel solo movente: per quanto i detti effetti si presentino a prima vista, come derivati da diverse cagioni (19 aprile 1821). <section end=1 /><section begin=2 />{{ZbPagina|961}} Alla p. 786. E prima della potenza Ateniese e degl’incrementi di quella repubblica, essendo il dialetto ionico il piú copioso, come pare, di tutti gli altri nello stato d’allora, per lo molto commercio della nazione o nazioni e repubbliche che l’usavano, prevalse il dialetto ionico nella letteratura greca, usato da {{AutoreCitato|Omero}}, da Ecateo Milesio istorico antichissimo, ed anteriore ad {{AutoreCitato|Erodoto}} che molto prese da lui, da {{AutoreCitato|Erodoto}}, da Ippocrate, da {{AutoreCitato|Democrito}} e da molti altri di gran fama. Cosí che Giordani crede (B. Ital. vol. 2. p. 20). che Empedocle (il quale parimente scrisse in quel dialetto) lasciasse di adoperare il dialetto (dorico) della sua patria e della sua scuola (Pitagorica) non perché fosse o piú difficile o meno gradito ai greci, ma perché vedesse piú frequentato fuori della Grecia l’ionico, al quale {{AutoreCitato|Omero}}, {{AutoreCitato|Erodoto}} e Ippocrate avevano acquistata piú universale celebrità. Di maniera che ancor dopo prevaluto l’attico si seguitò da alcuni a scrivere ionico, non come dialetto proprio, ma come vezzo, e quasi in memoria della sua antica fama. Come fece {{AutoreCitato|Arriano}}, il quale continuò i 7 libri della Impresa di Alessandro scritti in puro attico, colla storia indiana, o libro delle cose indiane scritto in dialetto ionico, per puro capriccio. Ora questo dialetto ionico tutti sanno qual sia presso {{AutoreCitato|Omero}}, cioè una mescolanza di tutti i dialetti, e di voci estere, solamente prevalendo lo ionico, ed Ermogene περὶ ἰδεῶν lib. II. p. 513. ''notat Hecataeum Milesium a quo plurima accepit {{pt|Hero-|Herodotus''}}''<section end=2 />
+
<section begin=1 /><!--{{ZbPagina|960}}--><noinclude>’uomo, </noinclude>facendo conoscere come sotto tutti i riguardi, ed in tutte le circostanze possibili della vita, agisca quell’unico principio ch’é l’amor proprio, e come tutti gli effetti della vita umana sieno proporzionati alla maggiore o minor forza, maggiore o minor debolezza, e diversa direzione di quel solo movente: per quanto i detti effetti si presentino a prima vista, come derivati da diverse cagioni (19 aprile 1821). <section end=1 /><section begin=2 />{{ZbPagina|961}}
  +
  +
{{ZbPensiero|ZbPensiero}}Alla p. 786. E prima della potenza Ateniese e degl’incrementi di quella repubblica, essendo il dialetto ionico il piú copioso, come pare, di tutti gli altri nello stato d’allora, per lo molto commercio della nazione o nazioni e repubbliche che l’usavano, prevalse il dialetto ionico nella letteratura greca, usato da {{AutoreCitato|Omero}}, da Ecateo Milesio istorico antichissimo, ed anteriore ad {{AutoreCitato|Erodoto}} che molto prese da lui, da {{AutoreCitato|Erodoto}}, da Ippocrate, da {{AutoreCitato|Democrito}} e da molti altri di gran fama. Cosí che Giordani crede (B. Ital. vol. 2. p. 20). che Empedocle (il quale parimente scrisse in quel dialetto) lasciasse di adoperare il dialetto (dorico) della sua patria e della sua scuola (Pitagorica) non perché fosse o piú difficile o meno gradito ai greci, ma perché vedesse piú frequentato fuori della Grecia l’ionico, al quale {{AutoreCitato|Omero}}, {{AutoreCitato|Erodoto}} e Ippocrate avevano acquistata piú universale celebrità. Di maniera che ancor dopo prevaluto l’attico si seguitò da alcuni a scrivere ionico, non come dialetto proprio, ma come vezzo, e quasi in memoria della sua antica fama. Come fece {{AutoreCitato|Arriano}}, il quale continuò i 7 libri della Impresa di Alessandro scritti in puro attico, colla storia indiana, o libro delle cose indiane scritto in dialetto ionico, per puro capriccio. Ora questo dialetto ionico tutti sanno qual sia presso {{AutoreCitato|Omero}}, cioè una mescolanza di tutti i dialetti, e di voci estere, solamente prevalendo lo ionico, ed Ermogene περὶ ἰδεῶν lib. II. p. 513. ''notat Hecataeum Milesium a quo plurima accepit {{pt|Hero-|Herodotus''}}''<section end=2 />