Differenze tra le versioni di "Pagina:Zibaldone di pensieri VI.djvu/233"

m
Edit by Alebot
m (Edit by Alebot)
m (Edit by Alebot)
Corpo della pagina (da includere):Corpo della pagina (da includere):
Riga 1: Riga 1:
suo positivo, onde non ha che fare col nostro discorso de’ diminutivi positivati). Sicché il nostro ''anello'' ec (e Vedi il Gloss). è un diminutivo positivato (7 novembre 1823).{{ZbPagina|3845}}
+
<section begin=1 /><!--{{ZbPagina|3844}}-->suo positivo, onde non ha che fare col nostro discorso de’ diminutivi positivati). Sicché il nostro ''anello'' ec (e Vedi il Gloss). è un diminutivo positivato (7 novembre 1823).<section end=1 /><section begin=2 />{{ZbPagina|3845}}
   
   
Riga 5: Riga 5:
   
   
{{ZbPensiero|3845/2}} Alla p. 3585. I quali testi, e per conseguenza questi due verbi, sono antichi, cioè l’uno di Catullo, l’altro di Paolo Diacono da Festo. Del rimanente ''assulito'' è per ''assilito'', mutato l’''i'' in ''u'', per la grande affinità di queste due vocali, altrove considerata. La quale affinità non è fra l’''a'' e l’''u'', né in composizione né altrove l’''a'' (ch’io mi ricordi) si muta mai in ''u'', né viceversa. Sicché ''assulito'' non può esser per ''assalito'', né ''assulto, resulto'' ec. per ''assalto, resalto'' ec. ma per ''resilto, assilto'' ec. E cosí tutti i composti di ''salto'', i quali tutti (ch’io sappia) fanno in ''ulto'' (fuorché ''resilito'', che sarebbe da ''salito''). O che essi vengano a dirittura da ''salto'', nel qual caso l’''a'' sarebbe stato cangiato in ''u'', ma mediatamente, cioè prima in ''i'' (mutazione ordinaria nella composizione, come ho detto altrove in piú luoghi, e come appunto l’''a ''di ''salio'', ne’ suoi composti), poscia l’''i'' in ''u ''(sicché veramente non l’''a'' ma l’''i'' fu cambiato in ''u''); o, quel ch’é piú verisimile, essi vengono da’ participii o supini de’ rispettivi composti originali, cioè da ''assultum, resultum'' ec. di ''assilio, resilio'' ec. Cosí ''facul, difficul, facultas, difficultas'' per ''facilitas, difficilitas'' ec. mutato l’''i'' in ''u'', e soppresso l’altro ''i''. Vedi p. {{ZbLink|3852}}. I quali participii o supini regolarmente sarebbero ''resilitum, assilitum'' ec (e lo dimostra appunto col fatto il verbo ''resilito''), ma ebbero il primo ''i'' cambiato
+
{{ZbPensiero|3845/2}} Alla p. 3585. I quali testi, e per conseguenza questi due verbi, sono antichi, cioè l’uno di Catullo, l’altro di Paolo Diacono da Festo. Del rimanente ''assulito'' è per ''assilito'', mutato l’''i'' in ''u'', per la grande affinità di queste due vocali, altrove considerata. La quale affinità non è fra l’''a'' e l’''u'', né in composizione né altrove l’''a'' (ch’io mi ricordi) si muta mai in ''u'', né viceversa. Sicché ''assulito'' non può esser per ''assalito'', né ''assulto, resulto'' ec. per ''assalto, resalto'' ec. ma per ''resilto, assilto'' ec. E cosí tutti i composti di ''salto'', i quali tutti (ch’io sappia) fanno in ''ulto'' (fuorché ''resilito'', che sarebbe da ''salito''). O che essi vengano a dirittura da ''salto'', nel qual caso l’''a'' sarebbe stato cangiato in ''u'', ma mediatamente, cioè prima in ''i'' (mutazione ordinaria nella composizione, come ho detto altrove in piú luoghi, e come appunto l’''a ''di ''salio'', ne’ suoi composti), poscia l’''i'' in ''u ''(sicché veramente non l’''a'' ma l’''i'' fu cambiato in ''u''); o, quel ch’é piú verisimile, essi vengono da’ participii o supini de’ rispettivi composti originali, cioè da ''assultum, resultum'' ec. di ''assilio, resilio'' ec. Cosí ''facul, difficul, facultas, difficultas'' per ''facilitas, difficilitas'' ec. mutato l’''i'' in ''u'', e soppresso l’altro ''i''. Vedi p. {{ZbLink|3852}}. I quali participii o supini regolarmente sarebbero ''resilitum, assilitum'' ec (e lo dimostra appunto col fatto il verbo ''resilito''), ma ebbero il primo ''i'' cambiato<section end=2 />
362 077

contributi