Differenze tra le versioni di "Pagina:Zibaldone di pensieri VI.djvu/181"

m
Edit by Alebot
m (Edit by Alebot)
m (Edit by Alebot)
  Cosa significano le icone?  Cosa significano le icone?
-
Pagine SAL 50%
+
Pagine SAL 25%
Corpo della pagina (da includere):Corpo della pagina (da includere):
Riga 1: Riga 1:
  +
<section begin=1 /><!--{{ZbPagina|3786}}--><noinclude><pagequality level="2" user="Alebot" /><div class="pagetext">
continuo. E in conformità di questi evidenti principii, veggiamo infatti che mentre l’individuo umano da principio odiava assai piú sí in potenza sí in atto gli altri viventi, {{ZbPagina|3787}} massime gli a lui dannosi ec. ora in atto odia senza alcun paragone piú i suoi simili che gli altri viventi qualunque, anche gli a lui piú micidiali, perché da questi è lontano, o poco affar ci può avere, e niun commercio di spirito; a quelli è sempre presente, e sempre ha affar seco loro, e commercio continuo e grandissimo, sí di corpo, sí, che è molto piú, di spirito. Per le quali cose è veramente un zucchero l’odio che oggidí l’uomo porta a qualsivoglia piú misantropo animale rispetto a quello ch’ei porta a’ suoi simili, e ciascun vede quanto sarebbe ridicolo il farne paragone. Sicché l’odio verso gli altri, qualità come naturale, cosí distruttiva della vera società, non solo in una società stretta non si scema nulla rispetto ai suoi simili da quel ch’egli era in natura, ma anzi, se non in potenza, certo in atto s’accresce a mille doppi, anzi pure svolgendosi da tutti gli altri viventi, si raccoglie tutto, si termina e si rivolge ne’ soli suoi simili. Onde se il vivente, stante il detto odio, è antisociale per natura, in virtú della società stretta, non pur diviene piú sociale, ma infinitamente piú antisociale che da principio, perché da principio egli odiava i suoi simili quasi solo in potenza, e in atto soli o molto piú gli altri viventi, e nella società stretta il suo odio dimentica quasi affatto gli altri viventi, ed in atto odia, si può dir, soli i suoi simili, e gli odia piú assai che da principio non fece i dissimili, co’ quali ebbe sempre molto meno affare ed intimo commercio, che non ha ora co’ simili suoi. {{ZbPagina|3788}} Dalle quali cose tutte, parlando in somma, si raccoglie che il dir ''società stretta'', massime ''umana'', è contraddizione, non solo rispetto alla natura ec. ma assolutamente, rispetto a se stessa, ne’ termini, e {{pt|ri-|rispetto }}
 
  +
  +
 
</noinclude>continuo. E in conformità di questi evidenti principii, veggiamo infatti che mentre l’individuo umano da principio odiava assai piú sí in potenza sí in atto gli altri viventi, <section end=1 /><section begin=2 />{{ZbPagina|3787}} massime gli a lui dannosi ec. ora in atto odia senza alcun paragone piú i suoi simili che gli altri viventi qualunque, anche gli a lui piú micidiali, perché da questi è lontano, o poco affar ci può avere, e niun commercio di spirito; a quelli è sempre presente, e sempre ha affar seco loro, e commercio continuo e grandissimo, sí di corpo, sí, che è molto piú, di spirito. Per le quali cose è veramente un zucchero l’odio che oggidí l’uomo porta a qualsivoglia piú misantropo animale rispetto a quello ch’ei porta a’ suoi simili, e ciascun vede quanto sarebbe ridicolo il farne paragone. Sicché l’odio verso gli altri, qualità come naturale, cosí distruttiva della vera società, non solo in una società stretta non si scema nulla rispetto ai suoi simili da quel ch’egli era in natura, ma anzi, se non in potenza, certo in atto s’accresce a mille doppi, anzi pure svolgendosi da tutti gli altri viventi, si raccoglie tutto, si termina e si rivolge ne’ soli suoi simili. Onde se il vivente, stante il detto odio, è antisociale per natura, in virtú della società stretta, non pur diviene piú sociale, ma infinitamente piú antisociale che da principio, perché da principio egli odiava i suoi simili quasi solo in potenza, e in atto soli o molto piú gli altri viventi, e nella società stretta il suo odio dimentica quasi affatto gli altri viventi, ed in atto odia, si può dir, soli i suoi simili, e gli odia piú assai che da principio non fece i dissimili, co’ quali ebbe sempre molto meno affare ed intimo commercio, che non ha ora co’ simili suoi. <section end=2 /><section begin=3 />{{ZbPagina|3788}} Dalle quali cose tutte, parlando in somma, si raccoglie che il dir ''società stretta'', massime ''umana'', è contraddizione, non solo rispetto alla natura ec. ma assolutamente, rispetto a se stessa, ne’ termini, e {{pt|ri-|rispetto }}<section end=3 /><noinclude>
  +
<references/></div></noinclude>
362 077

contributi