Differenze tra le versioni di "Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/Ne l'età sua piú bella et piú fiorita"

m
Edit by Alebot
m (Edit by Alebot)
{{Qualità|avz=75%|data=22 settembre 2008|arg=Poesie}}{{intestazione letteratura
{{Intestazione letteratura
|Nome e cognome dell'autore=Francesco Petrarca
|Titolo=Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)
|URL della versione cartacea a fronte=
}}
{{capitolo
|TitoloOpera=Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)
|NomePaginaOpera=Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)
|CapitoloPrecedente=S'Amor novo consiglio non n'apporta
|NomePaginaCapitoloPrecedente=Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/S'Amor novo consiglio non n'apporta
|CapitoloSuccessivo=Se lamentar augelli, o verdi fronde
|NomePaginaCapitoloSuccessivo=Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/Se lamentar augelli, o verdi fronde
}}<poem>
Ne l’età sua piú bella et piú fiorita,
quando aver suol Amor in noi piú forza,<br />
lasciando in terra la terrena scorza,<br />
è l'aural’aura mia vital da me partita,<br />
 
Ne{{R|5}}et l'etàviva sua piúet bella et piúnuda al fiorita,<brciel />salita:
indi mi signoreggia, indi mi sforza.<br />
quando aver suol Amor in noi piú forza,<br />
Deh perché me del mio mortal non scorza<br />
lasciando in terra la terrena scorza,<br />
l’ultimo dí, ch’è primo a l’altra vita?
è l'aura mia vital da me partita,<br />
 
<br />
Ché, come i miei pensier'pensier’ dietro a lei vanno,<br />
et viva et bella et nuda al ciel salita:<br />
{{R|10}}cosí leve, expedita et lieta l'alma<br />l’alma
indi mi signoreggia, indi mi sforza.<br />
la segua, et io sia fuor di tanto affanno.<br />
Deh perché me del mio mortal non scorza<br />
 
l'ultimo dí, ch'è primo a l'altra vita?<br />
Ciò che s'indugias’indugia è proprio per mio damno,<br />
<br />
per far me stesso a me piú grave salma.<br />
Ché, come i miei pensier' dietro a lei vanno,<br />
O che bel morir era, oggi è terzo anno!<br /poem>
cosí leve, expedita et lieta l'alma<br />
la segua, et io sia fuor di tanto affanno.<br />
<br />
Ciò che s'indugia è proprio per mio damno,<br />
per far me stesso a me piú grave salma.<br />
O che bel morir era, oggi è terzo anno!<br />
<br />
<br />
{{capitolo
|TitoloOpera=Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)
362 077

contributi