Pagina:Esploratori di Pace.pdf/13: differenze tra le versioni

Nessun oggetto della modifica
Corpo della pagina (da includere):Corpo della pagina (da includere):
Riga 1: Riga 1:


{{Ct|f=140%|v=1|t=3|lh=1.5|'''Presentazione'''}}
{{Ct|f=140%|v=1|t=3|lh=1.5|'''Introduzione'''}}
{{Ct|f=120%|v=3|lh=1.5|Rocco Altieri}}
Dopo aver pubblicato nel n° 38 dei Quaderni Satyāgraha il racconto dei principi e delle pratiche di educazione alla pace, svolta da “Rocca di Pace” negli ultimi 20 anni nei paesi dell’Appennino modenese intorno al Comune di Sestola, segue ora un secondo quaderno, che si rivolge in modo specifico agli educatori, con la proposta di un’ampia gamma di moduli didattici, scelti tra i numerosi realizzati nelle scuole e che oggi possono funzionare come guida e ispirazione per altri laboratori, riproducibili anche in altri contesti.


Chi ascolta dimentica,
Il filo conduttore delle varie proposte è il tema del conflitto, rappresentato secondo la geometria del triangolo di Galtung, da cui l’autore Vittorio Merlini ha tratto la sua principale ispirazione.
chi vede ricorda,
chi fa impara.
Proverbio giapponese


In questo libro non troverete nessuna teoria ma solo proposte pratiche am-
Nella progressione dei vari interventi si affina la comprensione di cosa sia un conflitto e come sia possibile gestirlo e trasformarlo in modo nonviolento, ponendosi in ascolto dell’altro, dominando le proprie emozioni e riconoscendo i bisogni di tutte le parti. Troviamo, così, inverati nella pratica educativa di “Rocca di Pace” tutte le problematiche legate al necessario sviluppo dell’empatia e della comunicazione nonviolenta in ambito scolastico.
piamente sperimentate. Cerco di raccontare, passo dopo passo, come condu-

cevo le attività in classe o nei gruppi.
L’autore Vittorio Merlini è un agronomo della comunità rurale della Guedrara e non è un caso che coincidano in lui l’arte dell’educare e l’arte del coltivare, confluendo secondo l’identica radice etimologica nella parola “cultura”:
Per chi è curioso di conoscere le motivazioni, il metodo e il mio percorso

formativo e di crescita interiore come educatore rimando all'articolo Qua-
coltivare il campo e coltivare la mente.
rant'anni di ricerca e azione nel campo dell'educazione alla pace'. Il mio stile si può

riassumere in due parole: olistico e maieutico.
C’è bisogno di moltiplicare gli operatori comunitari come Vittorio che fuori dalle gabbie riescano a introdurre elementi di profondo rinnovamento della didattica istituzionale.
Olistico nel senso di mettere in gioco tutti i molteplici aspetti della perso-

nalità umana: corpo, mente, emozioni, sensazioni, bisogni, anima e spirito.
13
Maieutico nel rinunciare a dare spiegazioni ma stimolare le risposte che af-
fiorano dentro ognuno.
Le attività descritte le ho attinte da libri, frequentando corsi di formazio-
ne, poi modificate e adattate alle diverse situazioni, o semplicemente create
per l'occasione.
Ho lavorato soprattutto in provincia di Modena, principalmente in mon-
tagna, dove risiedo.
Spesso da solo, ma volentieri con stupendi colleghe e colleghi, inizial-
mente con il Gruppo Sottosopra² e successivamente con Rocca di Pace'.
V.Merlini, a cura di, Rocca di Pace. Costruire Pace in sestessi, in comunità enel mondo, Pisa, Centro
Gandhi Edizioni, 2020, p.43-
Iniziativa all'interno dell'Associazione Overseas di Spilamberto (MO), ONG che si occupa di
promozione dello svíluppo globale di comunità in Paesi extraeuropei.
V.Merlini, ciz. Rocca di Pace è un'associazione che ha riunito comuni, scuole, organizzazioni
e comuni cittadini per promuovere la cultura della pace sull'Appennino modenese.
3
11
7 215

contributi