Differenze tra le versioni di "Divina Commedia/Purgatorio/Canto XIX"

nessun oggetto della modifica
m (iw)
{{Qualità|avz=50%|data=13 febbraio 2008|arg=Poemi}}{{Intestazione letteratura
{{Intestazione letteratura
|Nome e cognome dell'autore=Dante Alighieri
|Titolo=Divina Commedia
|Iniziale del titolo=D
|Nome della pagina principale=Divina Commedia
|Eventuale titolo della sezione o del capitolo=[[Divina Commedia/Purgatorio|Purgatorio]]<br /><br />Canto diciannovesimo
|Anno di pubblicazione=
|Secolo di pubblicazione=XIV secolo
|NomePaginaCapitoloSuccessivo=Divina Commedia/Purgatorio/Canto XX
}}
 
''Canto XIX, ove tratta de la essenza del quinto girone e qui si purga la colpa de l'avarizia; dove nomina papa Adriano nato di Genova de' conti da Lavagna.''
<poem>
Ne l'ora che non può 'l calor dïurno<br />
intepidar più 'l freddo de la luna,<br />
vinto da terra, e talor da Saturno {{r|3}}<br />
<br />
- quando i geomanti lor Maggior Fortuna<br />
veggiono in orïente, innanzi a l'alba,<br />
surger per via che poco le sta bruna -, {{r|6}}<br />
<br />
mi venne in sogno una femmina balba,<br />
ne li occhi guercia, e sovra i piè distorta,<br />
con le man monche, e di colore scialba. {{r|9}}<br />
<br />
Io la mirava; e come 'l sol conforta<br />
le fredde membra che la notte aggrava,<br />
così lo sguardo mio le facea scorta {{r|12}}<br />
<br />
la lingua, e poscia tutta la drizzava<br />
in poco d'ora, e lo smarrito volto,<br />
com'amor vuol, così le colorava. {{r|15}}<br />
<br />
Poi ch'ell'avea 'l parlar così disciolto,<br />
cominciava a cantar sì, che con pena<br />
da lei avrei mio intento rivolto. {{r|18}}<br />
<br />
"Io son", cantava, "io son dolce serena,<br />
che ' marinari in mezzo mar dismago;<br />
tanto son di piacere a sentir piena! {{r|21}}<br />
<br />
Io volsi Ulisse del suo cammin vago<br />
al canto mio; e qual meco s'ausa,<br />
rado sen parte; sì tutto l'appago!". {{r|24}}<br />
<br />
Ancor non era sua bocca richiusa,<br />
quand'una donna apparve santa e presta<br />
lunghesso me per far colei confusa. {{r|27}}<br />
<br />
"O Virgilio, Virgilio, chi è questa?",<br />
fieramente dicea; ed el venìa<br />
con li occhi fitti pur in quella onesta. {{r|30}}<br />
<br />
L'altra prendea, e dinanzi l'apria<br />
fendendo i drappi, e mostravami 'l ventre;<br />
quel mi svegliò col puzzo che n'uscia. {{r|33}}<br />
<br />
Io mossi li occhi, e 'l buon maestro: "Almen tre<br />
voci t' ho messe!", dicea, "Surgi e vieni;<br />
troviam l'aperta per la qual tu entre". {{r|36}}<br />
<br />
Sù mi levai, e tutti eran già pieni<br />
de l'alto dì i giron del sacro monte,<br />
e andavam col sol novo a le reni. {{r|39}}<br />
<br />
Seguendo lui, portava la mia fronte<br />
come colui che l' ha di pensier carca,<br />
che fa di sé un mezzo arco di ponte; {{r|42}}<br />
<br />
quand'io udi' "Venite; qui si varca"<br />
parlare in modo soave e benigno,<br />
qual non si sente in questa mortal marca. {{r|45}}<br />
<br />
Con l'ali aperte, che parean di cigno,<br />
volseci in sù colui che sì parlonne<br />
tra due pareti del duro macigno. {{r|48}}<br />
<br />
Mosse le penne poi e ventilonne,<br />
'Qui lugent'affermando esser beati,<br />
ch'avran di consolar l'anime donne. {{r|51}}<br />
<br />
"Che hai che pur inver' la terra guati?",<br />
la guida mia incominciò a dirmi,<br />
poco amendue da l'angel sormontati. {{r|54}}<br />
<br />
E io: "Con tanta sospeccion fa irmi<br />
novella visïon ch'a sé mi piega,<br />
sì ch'io non posso dal pensar partirmi". {{r|57}}<br />
<br />
"Vedesti", disse, "quell'antica strega<br />
che sola sovr'a noi omai si piagne;<br />
vedesti come l'uom da lei si slega. {{r|60}}<br />
<br />
Bastiti, e batti a terra le calcagne;<br />
li occhi rivolgi al logoro che gira<br />
lo rege etterno con le rote magne". {{r|63}}<br />
<br />
Quale 'l falcon, che prima a' piè si mira,<br />
indi si volge al grido e si protende<br />
per lo disio del pasto che là il tira, {{r|66}}<br />
<br />
tal mi fec'io; e tal, quanto si fende<br />
la roccia per dar via a chi va suso,<br />
n'andai infin dove 'l cerchiar si prende. {{r|69}}<br />
<br />
Com'io nel quinto giro fui dischiuso,<br />
vidi gente per esso che piangea,<br />
giacendo a terra tutta volta in giuso. {{r|72}}<br />
<br />
'Adhaesit pavimento anima mea'<br />
sentia dir lor con sì alti sospiri,<br />
che la parola a pena s'intendea. {{r|75}}<br />
<br />
"O eletti di Dio, li cui soffriri<br />
e giustizia e speranza fa men duri,<br />
drizzate noi verso li alti saliri". {{r|78}}<br />
<br />
"Se voi venite dal giacer sicuri,<br />
e volete trovar la via più tosto,<br />
le vostre destre sien sempre di fori". {{r|81}}<br />
<br />
Così pregò 'l poeta, e sì risposto<br />
poco dinanzi a noi ne fu; per ch'io<br />
nel parlare avvisai l'altro nascosto, {{r|84}}<br />
<br />
e volsi li occhi a li occhi al segnor mio:<br />
ond'elli m'assentì con lieto cenno<br />
ciò che chiedea la vista del disio. {{r|87}}<br />
<br />
Poi ch'io potei di me fare a mio senno,<br />
trassimi sovra quella creatura<br />
le cui parole pria notar mi fenno, {{r|90}}<br />
<br />
dicendo: "Spirto in cui pianger matura<br />
quel sanza 'l quale a Dio tornar non pòssi,<br />
sosta un poco per me tua maggior cura. {{r|93}}<br />
<br />
Chi fosti e perché vòlti avete i dossi<br />
al sù, mi dì, e se vuo' ch'io t'impetri<br />
cosa di là ond'io vivendo mossi". {{r|96}}<br />
<br />
Ed elli a me: "Perché i nostri diretri<br />
rivolga il cielo a sé, saprai; ma prima<br />
scias quod ego fui successor Petri. {{r|99}}<br />
<br />
Intra Sïestri e Chiaveri s'adima<br />
una fiumana bella, e del suo nome<br />
lo titol del mio sangue fa sua cima. {{r|102}}<br />
<br />
Un mese e poco più prova' io come<br />
pesa il gran manto a chi dal fango il guarda,<br />
che piuma sembran tutte l'altre some. {{r|105}}<br />
<br />
La mia conversïone, omè!, fu tarda;<br />
ma, come fatto fui roman pastore,<br />
così scopersi la vita bugiarda. {{r|108}}<br />
<br />
Vidi che lì non s'acquetava il core,<br />
né più salir potiesi in quella vita;<br />
per che di questa in me s'accese amore. {{r|111}}<br />
<br />
Fino a quel punto misera e partita<br />
da Dio anima fui, del tutto avara;<br />
or, come vedi, qui ne son punita. {{r|114}}<br />
<br />
Quel ch'avarizia fa, qui si dichiara<br />
in purgazion de l'anime converse;<br />
e nulla pena il monte ha più amara. {{r|117}}<br />
<br />
Sì come l'occhio nostro non s'aderse<br />
in alto, fisso a le cose terrene,<br />
così giustizia qui a terra il merse. {{r|120}}<br />
<br />
Come avarizia spense a ciascun bene<br />
lo nostro amore, onde operar perdési,<br />
così giustizia qui stretti ne tene, {{r|123}}<br />
<br />
ne' piedi e ne le man legati e presi;<br />
e quanto fia piacer del giusto Sire,<br />
tanto staremo immobili e distesi". {{r|126}}<br />
<br />
Io m'era inginocchiato e volea dire;<br />
ma com'io cominciai ed el s'accorse,<br />
solo ascoltando, del mio reverire, {{r|129}}<br />
<br />
"Qual cagion", disse, "in giù così ti torse?".<br />
E io a lui: "Per vostra dignitate<br />
mia coscïenza dritto mi rimorse". {{r|132}}<br />
<br />
"Drizza le gambe, lèvati sù, frate!",<br />
rispuose; "non errar: conservo sono<br />
teco e con li altri ad una podestate. {{r|135}}<br />
<br />
Se mai quel santo evangelico suono<br />
che dice 'Neque nubent'intendesti,<br />
ben puoi veder perch'io così ragiono. {{r|138}}<br />
<br />
Vattene omai: non vo' che più t'arresti;<br />
ché la tua stanza mio pianger disagia,<br />
col qual maturo ciò che tu dicesti. {{r|141}}<br />
<br />
Nepote ho io di là c' ha nome Alagia,<br />
buona da sé, pur che la nostra casa<br />
non faccia lei per essempro malvagia; {{r|144}}<br />
<br />
e questa sola di là m'è rimasa".
 
- quando i geomanti lor Maggior Fortuna
veggiono in orïente, innanzi a l'alba,
surger per via che poco le sta bruna -, {{r|6}}
 
mi venne in sogno una femmina balba,
ne li occhi guercia, e sovra i piè distorta,
con le man monche, e di colore scialba. {{r|9}}
 
Io la mirava; e come 'l sol conforta
===== Altri progetti =====
le fredde membra che la notte aggrava,
così lo sguardo mio le facea scorta {{r|12}}
 
la lingua, e poscia tutta la drizzava
in poco d'ora, e lo smarrito volto,
com'amor vuol, così le colorava. {{r|15}}
 
Poi ch'ell'avea 'l parlar così disciolto,
cominciava a cantar sì, che con pena
da lei avrei mio intento rivolto. {{r|18}}
 
"Io son", cantava, "io son dolce serena,
che ' marinari in mezzo mar dismago;
tanto son di piacere a sentir piena! {{r|21}}
 
Io volsi Ulisse del suo cammin vago
al canto mio; e qual meco s'ausa,
rado sen parte; sì tutto l'appago!". {{r|24}}
 
Ancor non era sua bocca richiusa,
quand'una donna apparve santa e presta
lunghesso me per far colei confusa. {{r|27}}
 
"O Virgilio, Virgilio, chi è questa?",
fieramente dicea; ed el venìa
con li occhi fitti pur in quella onesta. {{r|30}}
 
L'altra prendea, e dinanzi l'apria
fendendo i drappi, e mostravami 'l ventre;
quel mi svegliò col puzzo che n'uscia. {{r|33}}
 
Io mossi li occhi, e 'l buon maestro: "Almen tre
voci t' ho messe!", dicea, "Surgi e vieni;
troviam l'aperta per la qual tu entre". {{r|36}}
 
Sù mi levai, e tutti eran già pieni
de l'alto dì i giron del sacro monte,
e andavam col sol novo a le reni. {{r|39}}
 
Seguendo lui, portava la mia fronte
come colui che l' ha di pensier carca,
che fa di sé un mezzo arco di ponte; {{r|42}}
 
quand'io udi' "Venite; qui si varca"
parlare in modo soave e benigno,
qual non si sente in questa mortal marca. {{r|45}}
 
Con l'ali aperte, che parean di cigno,
volseci in sù colui che sì parlonne
tra due pareti del duro macigno. {{r|48}}
 
Mosse le penne poi e ventilonne,
'Qui lugent'affermando esser beati,
ch'avran di consolar l'anime donne. {{r|51}}
 
"Che hai che pur inver' la terra guati?",
la guida mia incominciò a dirmi,
poco amendue da l'angel sormontati. {{r|54}}
 
E io: "Con tanta sospeccion fa irmi
novella visïon ch'a sé mi piega,
sì ch'io non posso dal pensar partirmi". {{r|57}}
 
"Vedesti", disse, "quell'antica strega
che sola sovr'a noi omai si piagne;
vedesti come l'uom da lei si slega. {{r|60}}
 
Bastiti, e batti a terra le calcagne;
li occhi rivolgi al logoro che gira
lo rege etterno con le rote magne". {{r|63}}
 
Quale 'l falcon, che prima a' piè si mira,
indi si volge al grido e si protende
per lo disio del pasto che là il tira, {{r|66}}
 
tal mi fec'io; e tal, quanto si fende
la roccia per dar via a chi va suso,
n'andai infin dove 'l cerchiar si prende. {{r|69}}
 
Com'io nel quinto giro fui dischiuso,
vidi gente per esso che piangea,
giacendo a terra tutta volta in giuso. {{r|72}}
 
'Adhaesit pavimento anima mea'
sentia dir lor con sì alti sospiri,
che la parola a pena s'intendea. {{r|75}}
 
"O eletti di Dio, li cui soffriri
e giustizia e speranza fa men duri,
drizzate noi verso li alti saliri". {{r|78}}
 
"Se voi venite dal giacer sicuri,
e volete trovar la via più tosto,
le vostre destre sien sempre di fori". {{r|81}}
 
Così pregò 'l poeta, e sì risposto
poco dinanzi a noi ne fu; per ch'io
nel parlare avvisai l'altro nascosto, {{r|84}}
 
e volsi li occhi a li occhi al segnor mio:
ond'elli m'assentì con lieto cenno
ciò che chiedea la vista del disio. {{r|87}}
 
Poi ch'io potei di me fare a mio senno,
trassimi sovra quella creatura
le cui parole pria notar mi fenno, {{r|90}}
 
dicendo: "Spirto in cui pianger matura
quel sanza 'l quale a Dio tornar non pòssi,
sosta un poco per me tua maggior cura. {{r|93}}
 
Chi fosti e perché vòlti avete i dossi
al sù, mi dì, e se vuo' ch'io t'impetri
cosa di là ond'io vivendo mossi". {{r|96}}
 
Ed elli a me: "Perché i nostri diretri
rivolga il cielo a sé, saprai; ma prima
scias quod ego fui successor Petri. {{r|99}}
 
Intra Sïestri e Chiaveri s'adima
una fiumana bella, e del suo nome
lo titol del mio sangue fa sua cima. {{r|102}}
 
Un mese e poco più prova' io come
pesa il gran manto a chi dal fango il guarda,
che piuma sembran tutte l'altre some. {{r|105}}
 
La mia conversïone, omè!, fu tarda;
ma, come fatto fui roman pastore,
così scopersi la vita bugiarda. {{r|108}}
 
Vidi che lì non s'acquetava il core,
né più salir potiesi in quella vita;
per che di questa in me s'accese amore. {{r|111}}
 
Fino a quel punto misera e partita
da Dio anima fui, del tutto avara;
or, come vedi, qui ne son punita. {{r|114}}
 
Quel ch'avarizia fa, qui si dichiara
in purgazion de l'anime converse;
e nulla pena il monte ha più amara. {{r|117}}
 
Sì come l'occhio nostro non s'aderse
in alto, fisso a le cose terrene,
così giustizia qui a terra il merse. {{r|120}}
 
Come avarizia spense a ciascun bene
lo nostro amore, onde operar perdési,
così giustizia qui stretti ne tene, {{r|123}}
 
ne' piedi e ne le man legati e presi;
e quanto fia piacer del giusto Sire,
tanto staremo immobili e distesi". {{r|126}}
 
Io m'era inginocchiato e volea dire;
ma com'io cominciai ed el s'accorse,
solo ascoltando, del mio reverire, {{r|129}}
 
"Qual cagion", disse, "in giù così ti torse?".
E io a lui: "Per vostra dignitate
mia coscïenza dritto mi rimorse". {{r|132}}
 
"Drizza le gambe, lèvati sù, frate!",
rispuose; "non errar: conservo sono
teco e con li altri ad una podestate. {{r|135}}
 
Se mai quel santo evangelico suono
che dice 'Neque nubent'intendesti,
ben puoi veder perch'io così ragiono. {{r|138}}
 
Vattene omai: non vo' che più t'arresti;
ché la tua stanza mio pianger disagia,
col qual maturo ciò che tu dicesti. {{r|141}}
 
Nepote ho io di là c' ha nome Alagia,
buona da sé, pur che la nostra casa
non faccia lei per essempro malvagia; {{r|144}}
 
e questa sola di là m'è rimasa".
</poem>
 
 
==== Altri progetti ====
{{Interprogetto|etichetta=Purgatorio - Canto diciannovesimo|w=Purgatorio_-_Canto_diciannovesimo}}
 
{{capitolo
|CapitoloPrecedente=Canto diottesimo
33 468

contributi