Differenze tra le versioni di "Pagina:Settembrini, Luigi – Ricordanze della mia vita, Vol. II, 1934 – BEIC 1926650.djvu/142"

 
  Cosa significano le icone?  Cosa significano le icone?
-
Pagine SAL 75%
+
Pagine SAL 100%
Corpo della pagina (da includere):Corpo della pagina (da includere):
Riga 3: Riga 3:
{{Ct|f=120%|v=2|{{Sc|(La diplomazia e gli ergastolani).}}}}
{{Ct|f=120%|v=2|{{Sc|(La diplomazia e gli ergastolani).}}}}
{{a destra|f=90%|Santo Stefano, 3 settembre 1856.}}
{{a destra|f=90%|Santo Stefano, 3 settembre 1856.}}
Io credo che tua sorella Antonietta<ref>Panizzi. [''N. di R. S.'']</ref> non è venuta perché ha voluto aspettare tuo zio, e parlargli, ed informarsi da lui di ogni cosa: non mi pare che il suo indugio nasca da qualche speranza. E se tuo zio le avrá comunicato i suoi timori, ella non verrá piú, ci avrá uno scrupolo. Ma pure ella non dovrebbe avere scrupolo di tal natura, perché fin da principio non volle sapere il modo, e lasciò interamente a noi, perché ella non avrebbe potuto giudicarne.
Io credo che tua sorella Antonietta<ref>{{AutoreCitato|Antonio Panizzi|Panizzi}}. [''N. di R. S.'']</ref> non è venuta perché ha voluto aspettare tuo zio, e parlargli, ed informarsi da lui di ogni cosa: non mi pare che il suo indugio nasca da qualche speranza. E se tuo zio le avrá comunicato i suoi timori, ella non verrá piú, ci avrá uno scrupolo. Ma pure ella non dovrebbe avere scrupolo di tal natura, perché fin da principio non volle sapere il modo, e lasciò interamente a noi, perché ella non avrebbe potuto giudicarne.


Tu hai descritto il modo a tuo zio, il quale, non sapendo le cose bene, se le ha figurate pericolosissime, ed ha temuto: e forse ha comunicato il suo timore ad Antonietta. Io non potrei altrimenti spiegarmi questo freddo silenzio dopo tanta caldezza.
Tu hai descritto il modo a tuo zio, il quale, non sapendo le cose bene, se le ha figurate pericolosissime, ed ha temuto: e forse ha comunicato il suo timore ad Antonietta. Io non potrei altrimenti spiegarmi questo freddo silenzio dopo tanta caldezza.


Che sperino un bene comune, facile, piano? Non mi pare. Adesso si va facendo piú difficile la cosa pel tempo: ricordo l’anno passato, e quella grandissima disgrazia<ref>Il naufragio di un piroscafo che doveva venire per salvarli. [''N. di R. S.'']</ref>. Del resto io ti ripeto che son sempre pronto e voglioso di vederla contenta.
Che sperino un bene comune, facile, piano? Non mi pare. Adesso si va facendo piú difficile la cosa pel tempo: ricordo l’anno passato, e quella grandissima disgrazia<ref>Il naufragio di un piroscafo che doveva venire per salvarli. [''N. di R. S.'']</ref>. Del resto io ti ripeto che son sempre {{spaziato|pronto e voglioso}} di vederla contenta.


Vuoi notizie di qua? Quelle voci e rigori di cui ti scrissi, sono svaniti, e non c’è piú nulla. Il comandante è gravemente ammalato coi piedi, e non può levarsi, né forse si leverá piú da letto. Non vedo piú legni. Che tempi ed occasioni si perdono!
Vuoi notizie di qua? Quelle voci e rigori di cui ti scrissi, sono svaniti, e non c’è piú nulla. Il comandante è gravemente ammalato coi piedi, e non può levarsi, né forse si leverá piú da letto. Non vedo piú legni. Che tempi ed occasioni si perdono!
35 502

contributi