Differenze tra le versioni di "Pagina:Settembrini, Luigi – Ricordanze della mia vita, Vol. II, 1934 – BEIC 1926650.djvu/130"

  Cosa significano le icone?  Cosa significano le icone?
-
Pagine SAL 75%
+
Pagine SAL 100%
Corpo della pagina (da includere):Corpo della pagina (da includere):
Riga 8: Riga 8:
Non ti scrivo secondo il modo d’Alberto perché ci vedo poco, e per poco vedere sono infastidito. E poi debbo scriverti tante cose!
Non ti scrivo secondo il modo d’Alberto perché ci vedo poco, e per poco vedere sono infastidito. E poi debbo scriverti tante cose!


Ebbi la tua dalla gentile persona con gli originali di Panizzi. Ti risposi: credo avrai ricevuta la mia risposta.
Ebbi la tua dalla gentile persona con gli originali di {{AutoreCitato|Antonio Panizzi|Panizzi}}. Ti risposi: credo avrai ricevuta la mia risposta.


Desidero che sia vero ciò che t’ha detto Temple, ma non ci credo troppo: né per questo mese, né per molti altri si vedrá nulla di bene. E poi mi pare una stranezza quella, che se non [v’]è in questo mese, non v’è da sperar piú. Non vorrei che per aspettare si perdesse quest’occasione, e cosí rimanessi fuori dell’una e dell’altra speranza. Io credo che Panizzi non conta troppo su queste speranze, e che avendo ricevuta la mia lettera sia giá deciso pel sí, e subito, perché egli non può rimanere lá molto tempo. Io gli scrissi dal 6 al 18, e giorno di sabato: credo che il giorno fissato sará il 6 o il 13. Tu o hai ricevuto, o al piú per la fine del mese riceverai l’avviso: fa di mandarmelo subito. Non mandarmi mai l’originale di Panizzi, ma ne farai fare copie da Alberto: tu mi scriverai del cholera, di Raffaele. Avrai mie lettere da un marinaio fidato d’un mio amico in Ventotene, il quale manderá a me la tua risposta: ne avrai per Paolo o Giovanni. Tu dimanderai a Giovanni qual mezzo v’è per mandar subito una lettera qui; (dato il caso che quando verrá da te Giovanni tu non hai avuto ancora l’avviso); e saputolo ne profitterai quando potrai. Avuto l’avviso manderai le copie d’Alberto per Giovanni, per chi potrai, manderai a chiamare anche Nicola per
Desidero che sia vero ciò che t’ha detto Temple, ma non ci credo troppo: né per questo mese, né per molti altri si vedrá nulla di bene. E poi mi pare una stranezza quella, che se non [v’]è in questo mese, non v’è da sperar piú. Non vorrei che per aspettare si perdesse quest’occasione, e cosí rimanessi fuori dell’una e dell’altra speranza. Io credo che {{AutoreCitato|Antonio Panizzi|Panizzi}} non conta troppo su queste speranze, e che avendo ricevuta la mia lettera sia giá deciso pel sí, e subito, perché egli non può rimanere lá molto tempo. Io gli scrissi dal 6 al 18, e giorno di sabato: credo che il giorno fissato sará il 6 o il 13. Tu o hai ricevuto, o al piú per la fine del mese riceverai l’avviso: fa di mandarmelo subito. Non mandarmi mai l’originale di {{AutoreCitato|Antonio Panizzi|Panizzi}}, ma ne farai fare copie da Alberto: tu mi scriverai del cholera, di Raffaele. Avrai mie lettere da un marinaio fidato d’un mio amico in Ventotene, il quale manderá a me la tua risposta: ne avrai per Paolo o Giovanni. Tu dimanderai a Giovanni qual mezzo v’è per mandar subito una lettera qui; (dato il caso che quando verrá da te Giovanni tu non hai avuto ancora l’avviso); e saputolo ne profitterai quando potrai. Avuto l’avviso manderai le copie d’Alberto per Giovanni, per chi potrai, manderai a chiamare anche Nicola per
35 665

contributi