Differenze tra le versioni di "Leggenda eterna/Intermezzo/Notturno"

nessun oggetto della modifica
m (Bot: creazione area dati)
 
<section begin="avz"/>75%<section end="avz"/>
<section begin="arg"/>Letteratura<section end="arg"/>
</div></onlyinclude><!-- a qui -->{{Qualità|avz=75%|data=31 luglio 2010|arg=Letteratura}}{{IncludiIntestazione|sottotitolo=Notturno|prec=../L'ultima primavera|succ=../Dalla terrazza}}<poem>
Ecco la cerula notte, la placida
notte d’estate!
Miti bisbigli, lucenti palpiti
di stelle, tepide fragranze, entrate!
 
<pages index="Aganoor - Leggenda eterna, Torino, Roux, 1903.djvu" from="103" to="105" fromsection="" tosection="" />
Tutte ad accogliervi mi protendo avida
sul davanzale;
dolce sommergersi dentro la libera
marea degli esseri che scende e sale!
 
Pensose ascoltano l’ombre del memore
parco; le stanze
di sotto echeggiano aperte; cantano
sul vecchio cembalo vecchie romanze.
 
Ed ecco, svegliano le note un popolo
d’ombre; la mente
le vede in rapida fuga rincorrersi;
il cor la mistica voce ne sente.
 
Parole tornano che un dì si accolsero
con disattento
orecchio, e parvero scure; ora l’intimo
foco sprigionasi dal freddo accento.
 
Tornano supplici sorrisi e pallidi
volti scordati.
Un’onda tremula nel plenilunio
bianco, tra il placido sonno dei prati.
 
Spettrali, d’edera avvolte, sorgono
Certose, e strane
ombre di monaci, sfilanti tacite
ad un monotono suon di campane.
 
Torna d’un ultimo sguardo, d’un avido
sguardo d’addio,
tutta la perfida dolcezza (o palpiti,
o angoscie, o lagrime date all’oblìo!)
 
Nell’aria salgono le note a perdersi
nell’ombra folta,
narrando storie dolci e terribili.
Muta ed immobile la Notte ascolta.
</poem>