Differenze tra le versioni di "Pagina:L'elemento germanico nella lingua italiana.djvu/95"

 
 
  Cosa significano le icone?  Cosa significano le icone?
-
Pagine SAL 25%
+
Pagine SAL 75%
Corpo della pagina (da includere):Corpo della pagina (da includere):
Riga 3: Riga 3:
 
{{§|Brodo|{{type|f=120%|'''Brodo-a,'''}}}} acqua in cui han bollito sostanze animali ({{AutoreCitato|Giovanni Boccaccio|Boccaccio}}). Deriva da un ger. got. * ''brod'', che si svolse da una parte nell’aat. ''brôt, brôth, prôt'', mat. ''brôt'', tm. ''Brot''; dall’altra nell’as. ''bród, brad'', bt. ''brôd'', ol. ''brood'', ags. ''bréad'', ing. ''bread'', anrd. ''brandh'': tutte voci significanti “pane”. Il ger. got. * ''brod'' aveva il signif. generale di “preparare qualche cosa al fuoco”, e fu questo che si conservò nel tm. ''brodeln, brudeln'', “crosciare, bollire, apprestare cibi”, ''Brühe'', brodo; nell’ing. ''broth'', zuppa, mlt. ''brodium'', it. ''brodo'', afr. ''breu'', fr. ''brouet'' e derivati, sp. ''brodio'' (Vedi Ioret, ''Romania'', IV, 119). Ma questo signif. si specializzò in quello di “cuocere”, che noi riscontriamo nelle tre età del t., e in molte forme del bt. Nel rom. penetrò forse mediante il got., quando cioè la specializzazione non era ancora avvenuta. Deriv.: ''brodacchio, brodajo, brodettato, brodetto, brodicchio, brodiglia, brodolone, brodoloso, brodone, brodosino, brodoso; imbrodolare, sbrodolare, sbrodolatura''. Anche ''broscia, sbroscia'' si fanno venire di qui mediante un * ''brodia, sbrodia'', come anche ''brogio'', sciocco.
 
{{§|Brodo|{{type|f=120%|'''Brodo-a,'''}}}} acqua in cui han bollito sostanze animali ({{AutoreCitato|Giovanni Boccaccio|Boccaccio}}). Deriva da un ger. got. * ''brod'', che si svolse da una parte nell’aat. ''brôt, brôth, prôt'', mat. ''brôt'', tm. ''Brot''; dall’altra nell’as. ''bród, brad'', bt. ''brôd'', ol. ''brood'', ags. ''bréad'', ing. ''bread'', anrd. ''brandh'': tutte voci significanti “pane”. Il ger. got. * ''brod'' aveva il signif. generale di “preparare qualche cosa al fuoco”, e fu questo che si conservò nel tm. ''brodeln, brudeln'', “crosciare, bollire, apprestare cibi”, ''Brühe'', brodo; nell’ing. ''broth'', zuppa, mlt. ''brodium'', it. ''brodo'', afr. ''breu'', fr. ''brouet'' e derivati, sp. ''brodio'' (Vedi Ioret, ''Romania'', IV, 119). Ma questo signif. si specializzò in quello di “cuocere”, che noi riscontriamo nelle tre età del t., e in molte forme del bt. Nel rom. penetrò forse mediante il got., quando cioè la specializzazione non era ancora avvenuta. Deriv.: ''brodacchio, brodajo, brodettato, brodetto, brodicchio, brodiglia, brodolone, brodoloso, brodone, brodosino, brodoso; imbrodolare, sbrodolare, sbrodolatura''. Anche ''broscia, sbroscia'' si fanno venire di qui mediante un * ''brodia, sbrodia'', come anche ''brogio'', sciocco.
   
Brolio, bruolo. brolo, orto di verzura Dante, Buti i. Immediatamente è dal prov. brio!//, afr. bruel breuil, mlt. brogilus, broilus, brolius. Il Diez crede che il suffisso il accusi una estrazione diretta da rad. ger. In questa ipotesi si sarebbe condotti a riconoscere per fondamentale il mat. bruel, e aat. bruii, [ donde tm. Briihl ]1.
+
{{§|Brolio|{{type|f=120%|'''Brolio, bruolo, brolo,'''}}}} orto di verzura ({{AutoreCitato|Dante Alighieri|Dante}}, {{AutoreCitato|Francesco di Bartolo|Buti}}). Immediatamente è dal prov. ''bruelh'', afr. ''bruelle'', fr. ''breuil'', mlt. ''brogilus, broilus, brolius''. Il {{AutoreCitato|Friedrich Christian Diez|Diez}} crede che il suffisso ''il'' accusi una estrazione diretta da rad. ger. In questa ipotesi si sarebbe condotti a riconoscere per fondamentale il mat. ''bruel'', e aat. ''bruil'', [donde tm. ''Brühl''], che è finale di molti nomi proprii di paesi t. Il {{AutoreCitato|Friedrich Kluge|Kluge}} al contrario opina che il ger. derivi dal fr., e questo dal celt. ''brog'' “gonfiamento, germoglio”. Lo {{AutoreCitato|Jean Auguste Ulric Scheler|Scheler}}, persuaso che l’idea di “palude” sia essenziale a questa parola [difatti dapprima ''brogilus'' era = pratum palustre], riannoda tutto al t. ''brühl'', che, colle forme secondarie ''brögel, prugil'', mediante un ''brüchl'', vorrebbe da ''bruch'', luogo rotto, ags. ''brooc'', ing. ''brook'', ol. ''broech''.
   
  +
{{§|Broglio|{{type|f=120%|'''Broglio,'''}}}} mescolamento, intrigo, sollevamento ({{AutoreCitato|Dante Alighieri|Dante}}, Liv. M.). Alcuni, e fra essi il {{AutoreCitato|Friedrich Christian Diez|Diez}}, fanno di questa {{Pt|pa-|}}
che è finale di molti nomi proprii di paesi t. Il K I contrario opina che il ger. derivi dal fr., e questo dal celt. brog "gonfiamento, germoglio". Lo Scheler. pers che l’idea di "palude" sia essenziale a questa parola difatti dapprima brogilus era = pratum palustre, riannoda tutto al t. briihl, che, colle forme secondarie brogel, prugil, mediante mi briichl, vorrebbe da bruch, luogo rotto //•"’»•. ing. brook, ol. broech.
 
 
Broglio, mescolamento, intrigo, sollevamento Haute.
 
 
Liv. M.). Alcuni, e fra essi il hi..-, fanno di quesl
 
20 797

contributi