Differenze tra le versioni di "Pagina:L'elemento germanico nella lingua italiana.djvu/91"

 
 
  Cosa significano le icone?  Cosa significano le icone?
-
Pagine SAL 25%
+
Pagine SAL 75%
Corpo della pagina (da includere):Corpo della pagina (da includere):
Riga 3: Riga 3:
 
{{§|Brano|{{type|f=120%|'''Brano,'''}}}} pezzo di carne o panno staccato con violenza ({{AutoreCitato|Dante Alighieri|Dante}}). Il {{AutoreCitato|Friedrich Christian Diez|Diez}} fa derivare ''brano'' da ''brandone''. A me pare che il primitivo di ''brano'' debba essere un * ''brando'', presupposto dai derivati ''brandello brendolo brindello sbrendolo''. Da questo * ''brando'' si potè formare ''brano'' assai meglio che da ''brandone''. ''Brando'' rappresenterebbe aat. ''branto'' colla semplice epentesi eufonica di ''n''; ''bradone'' e ''brandone'' rifletterebbero invece l’accus. ''braton bratun''. Ed anche nel caso da me accennato sotto ''brandone'' che il ceppo si rannodi a ger. ''brant'', è chiaro doversi per l’it. partire da un * ''brando''. Ma circa questo gruppo resta ancora molta oscurità. Bl. ''branus'' ricorrente sin dal 1217 è riproduzione della voce it. Der.: ''branolino; sbrana-mento-re-tore''.
 
{{§|Brano|{{type|f=120%|'''Brano,'''}}}} pezzo di carne o panno staccato con violenza ({{AutoreCitato|Dante Alighieri|Dante}}). Il {{AutoreCitato|Friedrich Christian Diez|Diez}} fa derivare ''brano'' da ''brandone''. A me pare che il primitivo di ''brano'' debba essere un * ''brando'', presupposto dai derivati ''brandello brendolo brindello sbrendolo''. Da questo * ''brando'' si potè formare ''brano'' assai meglio che da ''brandone''. ''Brando'' rappresenterebbe aat. ''branto'' colla semplice epentesi eufonica di ''n''; ''bradone'' e ''brandone'' rifletterebbero invece l’accus. ''braton bratun''. Ed anche nel caso da me accennato sotto ''brandone'' che il ceppo si rannodi a ger. ''brant'', è chiaro doversi per l’it. partire da un * ''brando''. Ma circa questo gruppo resta ancora molta oscurità. Bl. ''branus'' ricorrente sin dal 1217 è riproduzione della voce it. Der.: ''branolino; sbrana-mento-re-tore''.
   
Breccia, rottura d’un muro e conseguente apertura operata mediante cannone o mina; frantumi o pezzami d pietra da essa prodotti; sassi arrotondati (Cellini, Soderini) Risp.: sp. afr. bresche brèche fr. brèche | sin dal sec. 14° | pie. breke, sp. bretia [Febrer nel sec. 15° ha la frase «rom pre una bretia» ] brecha, prov. berca ing. breach d’ug. sig Immediatamente procede da fr. brèche, da cui anche sp ing. e forse prov. Il fr. brache, che il Mackel mette nel suo secondo gruppo, ossia in quello dei vocab. ger. entrati in Francia in epoca posteriore alle invasioni, riposava su aat. brechà donde mat. brèche qualche cosa di rompente, strumento da rompere, tm. Brèche maciulla, m. ol. breke rottura, sv. svizz. brèche caduta di pietrami rotti, ted. dial.
+
{{§|Breccia|{{type|f=120%|'''Breccia,'''}}}} rottura d’un muro e conseguente apertura operata mediante cannone o mina; frantumi o pezzami di pietra da essa prodotti; sassi arrotondati ({{AutoreCitato|Benvenuto Cellini|Cellini}}, {{AutoreCitato|Giovanni Vittorio Soderini|Soderini}}) Risp.: sp. afr. ''bresche brèche'' fr. ''brèche'' [sin dal sec. 14º], pic. ''brèke'', sp. ''bretia'' [{{AutoreCitato|Jaume Febrer|Febrer}} nel sec. 15º ha la frase «rompre una ''bretia''»] ''brecha'', prov. ''berca'' ing. ''breach'' d’ug. sig. Immediatamente procede da fr. ''brèche'', da cui anche sp. ing. e forse prov. Il fr. ''brèche'', che il {{AutoreCitato|Emil Mackel|Mackel}} mette nel suo secondo gruppo, ossia in quello dei vocab. ger. entrati in Francia in epoca posteriore alle invasioni, riposava su aat. ''brechâ'' donde mat. ''breche'' qualche cosa di rompente, strumento da rompere, tm. ''Breche'' maciulla, m. ol. ''breke'' rottura, sv. svizz. ''breche'' caduta di pietrami rotti, ted. dial.
21 028

contributi