Differenze tra le versioni di "Pagina:De Cesare - Roma e lo Stato del Papa I.djvu/403"

nessun oggetto della modifica
Corpo della pagina (da includere):Corpo della pagina (da includere):
Riga 19: Riga 19:
 
|-
 
|-
 
|colspan= 2 |Il triumvirato rosso e il Consiglio di censura. — Ricostituzione dei ministeri e primi ministri laici. — Laici da burla. — Si brucia la carta-moneta del governo repubblicano. — La lettera di Luigi Napoleone al colonnello Ney non è presa sul serio. — La secolarizzazione non era facile. — Pregiudizi e ricordi. — I ministri Galli e Iacobini. — Monsignor Savelli e le sue ordinanze. — Baraguay permette il ''can-can'' al ''Metastasio''. — Scandali e proteste. — Provvedimenti di governo. — Attentati settarii. — Impotenza delle due polizie. — Soldati francesi buttati nel Tevere. — Si attenta alla vita del principe Giuseppe Bonaparte e di sua sorella Maria. — Un brindisi esilarante. — Attentati contro Squaglia, Nardoni, Cesari, Mazio e monsignor Tizzani. — Assassinio di Marco Evangelisti. — Fucilazioni in piazza del Popolo e a ponte Sant’Angelo. — Ordinanze del Baraguay. — La città e i bassi fondi. — Col ritorno del Papa il triumvirato cessa. — Suo ultimo atto è il regolamento per gl’impiegati. — Un ricordo del Verdi. — La fine del Passatore.
 
|colspan= 2 |Il triumvirato rosso e il Consiglio di censura. — Ricostituzione dei ministeri e primi ministri laici. — Laici da burla. — Si brucia la carta-moneta del governo repubblicano. — La lettera di Luigi Napoleone al colonnello Ney non è presa sul serio. — La secolarizzazione non era facile. — Pregiudizi e ricordi. — I ministri Galli e Iacobini. — Monsignor Savelli e le sue ordinanze. — Baraguay permette il ''can-can'' al ''Metastasio''. — Scandali e proteste. — Provvedimenti di governo. — Attentati settarii. — Impotenza delle due polizie. — Soldati francesi buttati nel Tevere. — Si attenta alla vita del principe Giuseppe Bonaparte e di sua sorella Maria. — Un brindisi esilarante. — Attentati contro Squaglia, Nardoni, Cesari, Mazio e monsignor Tizzani. — Assassinio di Marco Evangelisti. — Fucilazioni in piazza del Popolo e a ponte Sant’Angelo. — Ordinanze del Baraguay. — La città e i bassi fondi. — Col ritorno del Papa il triumvirato cessa. — Suo ultimo atto è il regolamento per gl’impiegati. — Un ricordo del Verdi. — La fine del Passatore.
 
 
|}
 
|}
  +
  +
{{nop}}