Differenze tra le versioni di "Pagina:Misteri di polizia - Niceforo, 1890.djvu/295"

 
 
  Cosa significano le icone?  Cosa significano le icone?
-
Pagine SAL 75%
+
Pagine SAL 100%
Corpo della pagina (da includere):Corpo della pagina (da includere):
Riga 5: Riga 5:
 
Ma era destino che il Giusti trovasse di farina impastata col miele anche i commissari a cui egli, ne’ suoi versi, non risparmiava le staffilate! E che staffilate!
 
Ma era destino che il Giusti trovasse di farina impastata col miele anche i commissari a cui egli, ne’ suoi versi, non risparmiava le staffilate! E che staffilate!
 
{{Ct|t=2|v=2|⁂}}
 
{{Ct|t=2|v=2|⁂}}
Restava al Bologna di fare una diligente ed accurata inchiesta intorno a quella certa poesia contraria alla dinastia austriaca; dinastia alla quale apparteneva, come con fine rimprovero per la Polizia toscana osservava l’I. e R. Governo di Lombardia, il sovrano del poeta; la quale poesia, ove fosse stata scritta, o si scrivesse dal Giusti, era desiderio dei rettori cesarei che andasse a finire sotto lo spegnitoio. E questa bisogna il Bologna l’affidò all’Ispettore di Polizia di Firenze, il quale se ne sbrigò alla meglio raccattando quanto sul poeta e sulle sue poesie correva per la città; e fu, in parte, su tale rapporto che il Bologna, coll’aggiunta di alcune sue osservazioni personali, imbastì la nota che sotto il 16 giugno 1840 diresse al Corsini. Nella qual nota, il Presidente del Buon Governo, dopo d’a-
+
Restava al Bologna di fare una diligente ed accurata inchiesta intorno a quella certa poesia contraria alla dinastia austriaca; dinastia alla quale apparteneva, come con fine rimprovero per la Polizia toscana osservava l’I. e R. Governo di Lombardia, il sovrano del poeta; la quale poesia, ove fosse stata scritta, o si scrivesse dal Giusti, era desiderio dei rettori cesarei che andasse a finire sotto lo spegnitoio. E questa bisogna il Bologna l’affidò all’Ispettore di Polizia di Firenze, il quale se ne sbrigò alla meglio raccattando quanto sul poeta e sulle sue poesie correva per la città; e fu, in parte, su tale rapporto che il Bologna, coll’aggiunta di alcune sue osservazioni personali, imbastì la nota che sotto il 16 giugno 1846 diresse al Corsini. Nella qual nota, il Presidente del Buon Governo, dopo d’a-
8 775

contributi