Differenze tra le versioni di "Pagina:Misteri di polizia - Niceforo, 1890.djvu/288"

  Cosa significano le icone?  Cosa significano le icone?
-
Pagine SAL 75%
+
Pagine SAL 100%
Corpo della pagina (da includere):Corpo della pagina (da includere):
Riga 1: Riga 1:
nale da tavolino, incapace di procurargli il più leggiero grattacapo. Quanto a crederlo poi un rivoluzionario, un soggetto pericoloso, un apostolo di barricate, sullo stampo di {{AutoreCitato|Giuseppe Mazzini|Giuseppe Mazzini}}, non e’ era pericolo che come tale lo ritenesse, nemmeno per un solo istante; e se qualcuno avesse tolto occasione da questa sua credenza piuttosto bonaria per metterlo in guardia, egli ne avrebbe riso di cuore. Si figuri il lettore, se il Giusti poteva essere una vittima, un perseguitato!
+
nale da tavolino, incapace di procurargli il più leggiero grattacapo. Quanto a crederlo poi un rivoluzionario, un soggetto pericoloso, un apostolo di barricate, sullo stampo di {{AutoreCitato|Giuseppe Mazzini|Giuseppe Mazzini}}, non c’era pericolo che come tale lo ritenesse, nemmeno per un solo istante; e se qualcuno avesse tolto occasione da questa sua credenza piuttosto bonaria per metterlo in guardia, egli ne avrebbe riso di cuore. Si figuri il lettore, se il Giusti poteva essere una vittima, un perseguitato!
   
 
E sì che allora la Polizia Toscana non si limitava ad applicare qualche mese di reclusione o di confino al solo {{AutoreCitato|Francesco Domenico Guerrazzi|Francesco Domenico Guerrazzi}}, lo scrittore tribunizio. Sorvegliava accuratamente gente, che poi passò per moderata di tre cotte, come il Salvagnoli, il Panattoni, il Marzucchi, e l’ancora vivente {{AutoreCitato|Enrico Poggi|Enrico Poggi}}, il venerando autore della ''{{TestoAssente|Storia d’Italia}}'', cui l’ufficio di sostituto alla Procura Generale non lo metteva al sicuro dei sospetti che nei poliziotti destava la sua amicizia coi liberali, segnatamente col Salvagnoli.
 
E sì che allora la Polizia Toscana non si limitava ad applicare qualche mese di reclusione o di confino al solo {{AutoreCitato|Francesco Domenico Guerrazzi|Francesco Domenico Guerrazzi}}, lo scrittore tribunizio. Sorvegliava accuratamente gente, che poi passò per moderata di tre cotte, come il Salvagnoli, il Panattoni, il Marzucchi, e l’ancora vivente {{AutoreCitato|Enrico Poggi|Enrico Poggi}}, il venerando autore della ''{{TestoAssente|Storia d’Italia}}'', cui l’ufficio di sostituto alla Procura Generale non lo metteva al sicuro dei sospetti che nei poliziotti destava la sua amicizia coi liberali, segnatamente col Salvagnoli.
8 765

contributi