Differenze tra le versioni di "Pagina:Rusconi - Teatro completo di Shakspeare, 1859, V-VI.djvu/237"

(→‎Pagine SAL 25%: Creata nuova pagina: {{Pt|pita|empita}} l’hai di grida di maledizione e d’ineffabili gemiti. Se diletto provi nel rimirare le inique tue opere, contempla ques...)
 
 
  Cosa significano le icone?  Cosa significano le icone?
-
Pagine SAL 25%
+
Pagine SAL 75%
Corpo della pagina (da includere):Corpo della pagina (da includere):
Riga 1: Riga 1:
{{Pt|pita|empita}} l’hai di grida di maledizione e d’ineffabili gemiti. Se diletto provi nel rimirare le inique tue opere, contempla questo testi* monio delle tue stragi. Oh signori, mirate 1 mirate! Le ferite del morto Enrico si riaprono, e versano sangue 1 Arrossisci, arrossisci, mostro di deformità; perocchè è la tua presenza che fa scaturire quèl sangue da quelle fredde e vuote vene, dove più non ne rimane; l’opra tua snaturata e inumana ingenera tal prodigio fuor di natura. Oh Dio, che quel sangue facesti, vendica la sua morte! Terra, che quel sangue hai bevuto, esora la sua camificina! il Cielo colla sua folgore abbatta l’omicida, o la terra si spalanchi, e vivo l’inghiotta, come tu inghiottisti la vita di questo buon re, che il tuo braccio, retto dall’inferno, ha sgozzato.
+
{{Pt|pita|empita}} l’hai di grida di maledizione e d’ineffabili gemiti. Se diletto provi nel rimirare le inique tue opere, contempla questo testimonio delle tue stragi. Oh signori, mirate! mirate! Le ferite del morto Enrico si riaprono, e versano sangue! Arrossisci, arrossisci, mostro di deformità; perocchè è la tua presenza che fa scaturire quel sangue da quelle fredde e vuote vene, dove più non ne rimane; l’opra tua snaturata e inumana ingenera tal prodigio fuor di natura. Oh Dio, che quel sangue facesti, vendica la sua morte! Terra, che quel sangue hai bevuto, esora la sua carnificina! il Cielo colla sua folgore abbatta l’omicida, o la terra si spalanchi, e vivo l’inghiotta, come tu inghiottisti la vita di questo buon re, che il tuo braccio, retto dall’inferno, ha sgozzato.
   
 
''Gloc''. Signora, voi non conoscete i precetti della carità che comanda il bene per il male, la benedizione per l’offesa.
 
''Gloc''. Signora, voi non conoscete i precetti della carità che comanda il bene per il male, la benedizione per l’offesa.
   
''An''. Scellerato,- a te è ignota ogni legge divina o umana; e nondimeno non v’ò belva tanto feroce, che in qualche modo non senta la pietà.
+
''An''. Scellerato, a te è ignota ogni legge divina o umana; e nondimeno non v’è belva tanto feroce, che in qualche modo non senta la pietà.
   
''Gloc''. Ma io non ne sento alcuna, e perciò non sono una bèlva.
+
''Gloc''. Ma io non ne sento alcuna, e perciò non sono una belva.
   
 
''An''. Maraviglioso che i demoni dichiarino la verità!
 
''An''. Maraviglioso che i demoni dichiarino la verità!
   
''Gloc''. Più maraviglioso che gli angeli siano così collericL — Concedetemi, divina gloria del vostro sesso, concedetemi nn momento d’udienza, per udire le mie discolpe sui delitti che m’imputate.
+
''Gloc''. Più maraviglioso che gli angeli siano così collerici. — Concedetemi, divina gloria del vostro sesso, concedetemi un momento d’udienza, per udire le mie discolpe sui delitti che m’imputate.
   
 
''An''. Lascia piuttosto, flagello contagioso dell’umanità, lascia ch’io abbia il tempo di maledire le tue opere e te.
 
''An''. Lascia piuttosto, flagello contagioso dell’umanità, lascia ch’io abbia il tempo di maledire le tue opere e te.
   
''Gloc''. voi, bella oltre ogni espressione, concedetemi un po’ d’indugio per giustificarmi.
+
''Gloc''. O voi, bella oltre ogni espressione, concedetemi un po’ d’indugio per giustificarmi.
   
''An''.- Mostro più orrendo che l’uomo non possa immaginarlo, non v’è altra giustificazione per te, che di andare ad appenderti ad nn infame palco.
+
''An''. Mostro più orrendo che l’uomo non possa immaginarlo, non v’è altra giustificazione per te, che di andare ad appenderti ad un infame palco.
   
 
''Gloc''. Con tale disperazione accuserei me stesso.
 
''Gloc''. Con tale disperazione accuserei me stesso.
   
''An''. Ma disperando ti scuseresti in qualche guisa, e foresti degna vendetta di te per le indegne stragi che compi sugli altri.
+
''An''. Ma disperando ti scuseresti in qualche guisa, e faresti degna vendetta di te per le indegne stragi che compi sugli altri.
   
 
''Gloc''. Non dire che fossi io che gli uccidessi.
 
''Gloc''. Non dire che fossi io che gli uccidessi.
Riga 31: Riga 31:
 
''Gloc''. No, è morto, ma fu ucciso da Eduardo.
 
''Gloc''. No, è morto, ma fu ucciso da Eduardo.
   
''An''. Menti; la regina Margherita vide la tua spada fumante del suo sangue, e lei pure avresti ucciso, se i tuoi fratelli non te lo avessero impedita
+
''An''. Menti; la regina Margherita vide la tua spada fumante del suo sangue, e lei pure avresti ucciso, se i tuoi fratelli non te lo avessero impedito.
Piè di pagina (non incluso)Piè di pagina (non incluso)
Riga 1: Riga 1:
<references/>
 
15 586

contributi