Differenze tra le versioni di "Pagina:Rusconi - Teatro completo di Shakspeare, 1859, V-VI.djvu/232"

m
nessun oggetto della modifica
m
 
Corpo della pagina (da includere):Corpo della pagina (da includere):
Riga 1: Riga 1:
{{c|VITA E MORTE
+
{{Ct|v=1|f=larger|{{x-larger|VITA E MORTE}}
DEL
 
RE RICCARDO III}}
 
   
  +
{{Sc|del}}}}
   
 
{{Ct|v=1|{{xx-larger|RE RICCARDO III}}}}
{{c|ATTO PRIMO}}
 
  +
{{rule}}
  +
{{rule}}
   
{{c|SCENA I.
 
Londra. — Una strada.
 
''Entra'' {{sc|Glocester.}}}}
 
   
  +
:''Gloc''. Alfine il sole di York ha dissipato l'inverno delle nostre sventure, e ricondotta la stagione dei bei giorni della gloria: tutte le nubi che oscuravano la nostra casa stanno sepolte nel seno profondo dell’oceano. Ora le nostre fronti son cinte con ghirlande vittoriose; le nostre armi mutilate sospese in trofe, monumento delle opere nostre. I tristi sgomentati han dato luogo alla dolce fiducia, il romore delle nostre marcie si è mutato in
 
  +
cantici di piacere e di allegrezza. La guerra dal volto spaventoso ha addolcite le rughe della sua fronte minaccevole, e invece di procedere sui corridori per atterrire i nostri nemici, ella danza con piè leggiero ai suoni lascivi di un flauto. Ma io... che formato non sono per tai ludi, fatto per blandire un occhio amoroso; io che fui creato sì deforme, e che manco delle grazie dell'amore, non potrò gustare i diletti che procaccia una bella; io che dalla perfida natura fui privato d'ogni simmetria, e a cui essa malignamente ricusò un volto umano, oggetto d’orrore, mostro venuto al mondo prima del mio tempo, composto in guisa che i cani pure mi latrano dietro, allorché mi fermo accanto a loro; io in queste lotte effeminate della pace non ho alcuna parte da {{Pt|com-|compiere}}
 
  +
 
{{Ct|t=3|v=2|f=150%|ATTO PRIMO}}
  +
  +
{{rule|2em}}
  +
  +
  +
{{Ct|t=2|v=1|f=120%|SCENA I.}}
 
{{Ct|V=1|Londra — Una strada.}}
 
{{Ct|V=1|''Entra'' {{sc|Glocester.}}}}
 
''Gloc''. Alfine il sole di York ha dissipato l'inverno delle nostre sventure, e ricondotta la stagione dei bei giorni della gloria: tutte le nubi che oscuravano la nostra casa stanno sepolte nel seno profondo dell’oceano. Ora le nostre fronti son cinte con ghirlande vittoriose; le nostre armi mutilate sospese in trofe, monumento delle opere nostre. I tristi sgomentati han dato luogo alla dolce fiducia, il romore delle nostre marcie si è mutato in cantici di piacere e di allegrezza. La guerra dal volto spaventoso ha addolcite le rughe della sua fronte minaccevole, e invece di procedere sui corridori per atterrire i nostri nemici, ella danza con piè leggiero ai suoni lascivi di un flauto. Ma io... che formato non sono per tai ludi, fatto per blandire un occhio amoroso; io che fui creato sì deforme, e che manco delle grazie dell'amore, non potrò gustare i diletti che procaccia una bella; io che dalla perfida natura fui privato d’ogni simmetria, e a cui essa malignamente ricusò un volto umano, oggetto d’orrore, mostro venuto al mondo prima del mio tempo, composto in guisa che i cani pure mi latrano dietro, allorchè mi fermo accanto a loro; io in queste lotte effeminate della pace non ho alcuna parte da {{Pt|com-|}}
15 603

contributi