Differenze tra le versioni di "Pagina:Rusconi - Teatro completo di Shakspeare, 1859, V-VI.djvu/223"

(→‎Pagine SAL 25%: Creata nuova pagina: ''Ed''. È fatto il bando clie chi trova Edoardo avrà un’alta ricompensa e la vita, qual che siasi il delitto di coi può esser reo^? '...)
 
 
  Cosa significano le icone?  Cosa significano le icone?
-
Pagine SAL 25%
+
Pagine SAL 75%
Corpo della pagina (da includere):Corpo della pagina (da includere):
Riga 1: Riga 1:
   
   
''Ed''. È fatto il bando clie chi trova Edoardo avrà un’alta ricompensa e la vita, qual che siasi il delitto di coi può esser reo^?
+
''Ed''. È fatto il bando che chi trova Edoardo avrà un’alta ricompensa e la vita, qual che siasi il delitto di cui può esser reo?
   
''Gloc''. Sì; ed ecco appunto Eduardo che si avanza. {{Ids|(entra il princ. Eduardo fra i solfati)}}}}
+
''Gloc''. Sì; ed ecco appunto Eduardo che si avanza. {{Ids|(entra il princ. {{Sc|Eduardo}} fra i solfati)}}}}
   
''Ed''. Conducetene innanzi questo, animoso, e udiamolo parlare. Che! può così giovine spina incominciar diggià a pungere? Eduardo, quale diletto puoi tu trovare nel portar Farmi, nd sollevarmi i sudditi, e in tutti gli altri commovimenti che mi hai suscitati?
+
''Ed''. Conducetene innanzi questo, animoso, e udiamolo parlare. Che! può così giovine spina incominciar diggià a pungere? Eduardo, quale diletto puoi tu trovare nel portar l’armi, nel sollevarmi i sudditi, e in tutti gli altri commovimenti che mi hai suscitati?
   
Princ. Parla da suddito, superbo, ambizioso Torkl Imagina che la mia bocca sia ora quella di mio padre: cedimi il tuo seggio e prostrati a* miei piedi: non farti bello delle parole che io solo posso profferire, traditore.
+
''Princ''. Parla da suddito, superbo, ambizioso York! Imagina che la mia bocca sia ora quella di mio padre: cedimi il tuo seggio e prostrati a’ miei piedi: non farti bello delle parole che io solo posso profferire, traditore.
   
 
''Mar''. Oh se tuo padre avesse avuto tanta fermezza!
 
''Mar''. Oh se tuo padre avesse avuto tanta fermezza!
Riga 13: Riga 13:
 
''Gloc''. Oh se inteso aveste sempre alle opere femminili, senza mescolarvi nelle bisogne degli uomini.
 
''Gloc''. Oh se inteso aveste sempre alle opere femminili, senza mescolarvi nelle bisogne degli uomini.
   
Princ. Esopo (1), ne dica lesue fiabe nelle notti d’inverno; i suoi motti qui non han luogo.
+
''Princ''. Esopo<ref>Il principe chiama ''Esopo'' Riccardo, per la sua deformità.</ref>, ne dica le sue fiabe nelle notti d’inverno; i suoi motti qui non han luogo.
   
Gloc. Pel Cielo! garzone, ti costerà un supplizio questa parola.
+
''Gloc''. Pel Cielo! garzone, ti costerà un supplizio questa parola.
   
''Mar''. Si, tu fosti generato per supplizio degli uomini Gloc. Per amor di DioI conducete lungi questa marrana.
+
''Mar''. , tu fosti generato per supplizio degli uomini.
   
  +
''Gloc''. Per amor di Dio! conducete lungi questa marrana.
Princ. No, piuttosto questo mostro, questo informe gobbo.
 
  +
 
''Princ''. No, piuttosto questo mostro, questo informe gobbo.
   
 
''Ed''. Taci, perverso garzone, o io t’ammalierò la lingua.
 
''Ed''. Taci, perverso garzone, o io t’ammalierò la lingua.
   
Clar. Insolente fanciullo, troppa è la tua villania.
+
''Clar''. Insolente fanciullo, troppa è la tua villania.
  +
 
''Princ''. Io conosco quello che debbo a me stesso, e vi appello tutti reprobi. Lascivo Eduardo,... spergiuro Giorgio,... nefando Riccardo,... io vi dico a tutti che valgo più assai di voi, traditori; e che tu usurpi i diritti di mio padre e i miei.
   
 
''Ed''. Con questo mi redimo da uno degli usurpati.
Princ. Io conosco quello che debbo a me stesso, e vi appello tutti reprobi Lascivo Eduardo,... spergiuro Giorgio,... nefando Riccardo,... io vi dico a tutti che valgo più assai di voi, traditori; e che tu usurpi i diritti di mio padre e i mieL
 
  +
{{Ids|(lo trafigge)}}
 
''Gloc''. Gemi tu? abbi questo colpo per por fine alle tue agonie.{{A destra|{{Ids|(lo trafigge)}}}}
 
''Clar''. E questo ancora per avermi chiamato spergiuro. {{A destra|{{Ids|(lo trafigge)}}}}
  +
''Mar''. Oh uccidete me ancora!
   
 
''Gloc''. Sarà fatto. {{A destra|{{Ids|(s’avanza per ucciderla)}}}}
''Ed''. Con questo mi redimo da uno degli usurpati
 
{{Ids|(lo tregge) Ohe Gemi tu? abbi questo colpo per por fine alle tue agonie.{{A destra|{{Ids|(lo trafigge)}}}}
 
Clar. E questo ancora per avermi chiamato spergiuro. {{A destra|{{Ids|(lo trafigge)}}}} ''Mar''. Oh uccidete me ancorai
 
   
Gloc. Sarà fatto. {{A destra|{{Ids|(à^avanea per ucciderla)}}}}
 
 
''Ed''. Fermati, Riccardo, fermati; troppo abbiamo operato diggià.
 
''Ed''. Fermati, Riccardo, fermati; troppo abbiamo operato diggià.
   
Gloc. A che vivrebb’ella? per empiere il mondo di querele?
+
''Gloc''. A che vivrebb’ella? per empiere il mondo di querele?
   
 
''Ed''. Ella sviene; assistetela perchè si riabbia.
 
''Ed''. Ella sviene; assistetela perchè si riabbia.
   
 
''Gloc''. {{Ids|{{Ids|(a parte)}} Clarenza, fate le mie scuse col re mio fratello;
 
''Gloc''. {{Ids|{{Ids|(a parte)}} Clarenza, fate le mie scuse col re mio fratello;
(1) <ref>Il principe chiama ''Esopo'' Riccardo, per la sua deformità.</ref>
 
Piè di pagina (non incluso)Piè di pagina (non incluso)
Riga 1: Riga 1:
<references/>
 
15 586

contributi