Differenze tra le versioni di "Pagina:Gli sposi promessi I.djvu/138"

(Bot: modifica fittizia Pywikibot)
 
  Cosa significano le icone?  Cosa significano le icone?
-
Pagine SAL 75%
+
Pagine SAL 100%
Corpo della pagina (da includere):Corpo della pagina (da includere):
Riga 1: Riga 1:
{{Pt|dermi|comprendermi}}, può <ref>[mostr offendere e]</ref> insultare, e mostrarsi offesa, schernire e lagnarsi, atterrire e chieder ragione, essere impudente e irreprensibile. Non cercar più altro. Colui non ha proferito il nome di questa innocente, né il tuo, non ha mostrato di sapere che voi viviate, non ha detto di voler nulla, ma... pur troppo quello che voi mi avete detto, <ref>è vero</ref> quello che io non avrei voluto credere, è vero. Mah! confidenza in Dio come v’ho detto: questa è l’ora <ref>sua</ref> dell'uomo, ma va passando.<br />
+
{{Pt|dermi|comprendermi}}, può <ref>[mostr] offendere e</ref> insultare, e mostrarsi offesa, schernire e lagnarsi, atterrire e chieder ragione, essere impudente e irreprensibile. Non cercar più altro. Colui non ha proferito il nome di questa innocente, né il tuo, non ha mostrato di sapere che voi viviate, non ha detto di voler nulla, ma... pur troppo quello che voi mi avete detto, <ref>è vero</ref> quello che io non avrei voluto credere, è vero. Mah! confidenza in Dio come v’ho detto: questa è l’ora <ref>sua</ref> dell'uomo, ma va passando.<br />
Voi poverette, non vi perdete d’animo, e tu, mio Fermo... oh! credi ch’io so pormi ne’ tuoi panni, ch’io sento quello che passa nel tuo cuore... ma abbi pazienza: io so che questa parola è amara: ma è la sola che <ref>un uomo</ref>
+
Voi poverette, non vi perdete d’animo, e tu, mio Fermo... oh! credi ch’io so pormi ne’ tuoi panni, ch’io sento quello che passa nel tuo cuore... ma abbi pazienza: io so che questa parola è amara: ma è la sola che <ref>un uomo</ref>ti possa dire un uomo che non sia tuo nemico. Dio stesso, che è onnipotente, non te ne vuol dir altra, per ora. <ref>[Il s | Io parto,]Il salire</ref> Io parto e vi lascio nelle mani di Dio... <ref>[oh! il sole è caduto e qua] oh! il sole è caduto, e arriverò troppo tardi, ma questo è poco</ref> Oh il sole è caduto e forse arriverò tardi; ma poco importa. Fatevi animo: <ref>domani non ci vedremo : io rimango in casa per voi : sappiate che</ref> Dio mi ha già dato un segno di volervi ajutare. Domani non ci vedremo: io rimango al convento, ma per voi. Mandate Lucia un garzoncello fidato, che giri vicino al convento, alla Chiesa, e pel quale io possa farvi sapere quello che occorrerà: io sarò
 
avvertito; e vi farò avvertite: <ref>Addio : sappiate che...</ref> avremo dei mezzi che colui non sospetta, che finora non conosco nemmeno io: in Milano ho qualche protezione, e la vedremo. Sento una voce che mi dice che tutto finirà presto e bene. <ref>Buona</ref> Fede, coraggio, e buona sera.» Detto questo s’avviava frettolosamente, quando udì Fermo dire, mormorare con voce contenuta dal rispetto, <ref>non</ref> e<ref>inceppata</ref> velata dalla collera, ma intelligibilmente: «la finirò io.» La faccia e l’atteggiamento di Fermo non lasciava <ref>''Sic''</ref> dubbio sul senso di queste parole.
ti possa dire un uomo che non sia tuo nemico. Dio stesso, che è onnipotente, non te ne vuol dir altra, per ora. <ref>[Il s | Io parto</ref> Io parto e vi lascio nelle mani di Dio... <ref>[oh! il sole è caduto e qua] oh! il sole e caduto, e arriverò troppo tardi, ma questo è poco</ref> Oh il sole è caduto e forse arriverò tardi; ma poco importa. Fatevi animo: <ref>domani non ci vedremo : io rimango in casa per voi : sappiate che</ref> Dio mi ha già dato
 
un segno di volervi ajutare. Domani non ci vedremo: io rimango al convento, ma per voi. Mandate Lucia un garzoncello fidato, che giri vicino al convento, alla Chiesa, e pel quale io possa farvi sapere quello che occorrerà: io sarò
 
avvertito.; e vi farò avvertite: <ref>Addio : sappiate che...</ref> avremo dei mezzi che colui non sospetta, che finora non conosco nemmeno io: in Milano ho qualche protezione, e la vedremo. Sento una voce che mi dice che tutto finirà presto e bene. <ref>Buona</ref> Fede, coraggio, e buona sera.» Detto questo s’avviava frettolosamente, quando udì Fermo dire, mormorare con voce contenuta dal rispetto, <ref>non</ref> e<ref>inceppata</ref> velata dalla collera, ma intelligibilmente: «la finirò io.» La faccia e l’atteggiamento di Fermo non lasciava <ref>''Sic''</ref> dubbio sul senso di queste parole.
 
   
 
«Misericordia!» sclamò Agnese. Lucia si volse supplichevolmente al Padre Cristoforo, come se volesse dire:— ammansatelo. —
 
«Misericordia!» sclamò Agnese. Lucia si volse supplichevolmente al Padre Cristoforo, come se volesse dire:— ammansatelo. —
1 196

contributi