Differenze tra le versioni di "Pagina:Zibaldone di pensieri VII.djvu/457"

nessun oggetto della modifica
 
Corpo della pagina (da includere):Corpo della pagina (da includere):
Riga 1: Riga 1:
<section begin="1" /><!--{{ZbPagina|4511}}--><noinclude>giungi </noinclude>in ''giŏlo, ggiŏlo, ccŏlo, cŏlo'', e specialmente in ''ucolo'' (carrucola ec). Anche ''occo'' ec., di cui sopra, è per lo piú dal lat. ''ucul''.. (''anitrocco, anitroccolo, bernoccolo, bernoccoluto'' ec.), siccome ''occhio'' (''ranocchio, ginocchio'' ec.). Vedi p. {{ZbLink|4513}}. In francese ''cle, cler, gle, gler'' ec. E in ispagnuolo ec. - Aggiungi pure in ''giuōlo, ggiuōlo, zuolo'' ec. - La forma in ''ezzo'' <section end="1" /><section begin="2" />{{ZbPagina|4512}} ''ezzare'' può essere non solo da ''ecci''..., ma da ''eggi''... ''Careggiare carezzare''. Vedi {{AutoreCitato|Accademia della Crusca|Crusca}} in ''amarezzare, marezzare'' ec. E cosí l’altre in ''zo'' ec. ''Libycus - libyculus - libeccio'' (''leb''esche, francese); ''corticula - corteccia, scortecciare'' ec.; cangiato l’''i'' latino in ''e'' al solito, e come in tante altre diminuzioni (''orecchia, pecchia'' ec., ''oveja'' ec., ''abeille'' ec. ec.), frequentazioni ec., nominatamente quella in ''ecchi''.. (e le corrispondenti francesi e spagnuole) sí abbondante. Cosí, e secondo il detto a p. {{ZbLink|4500}}, princ., la nostra forma frequentativa ec., sí usitata, in ''eggio eggiare'' sarebbe pur dalla forma latina. - In tutte tali forme, se esse comprendono intera la forma latina, il ''lo lare'', se vi si trova, è una giunta toscana. - Del resto, per forme ed esempi ec., vedi l’indice di questi pensieri in ''Frequentativi, Diminutivi'' ec. (17 maggio).
+
<section begin="1" /><!--{{ZbPagina|4511}}--><noinclude>giungi </noinclude>in ''giŏlo, ggiŏlo, ccŏlo, cŏlo'', e specialmente in ''ucolo'' (carrucola ec). Anche ''occo'' ec., di cui sopra, è per lo piú dal lat. ''ucul''.. (''anitrocco, anitroccolo, bernoccolo, bernoccoluto'' ec.), siccome ''occhio'' (''ranocchio, ginocchio'' ec.). Vedi p. {{ZbLink|4513}}. In francese ''cle, cler, gle, gler'' ec. E in ispagnuolo ec. - Aggiungi pure in ''giuōlo, ggiuōlo, zuolo'' ec. - La forma in ''ezzo'' <section end="1" /><section begin="2" />{{ZbPagina|4512}} ''ezzare'' può essere non solo da ''ecci''..., ma da ''eggi''... ''Careggiare carezzare''. Vedi {{AutoreCitato|Accademia della Crusca|Crusca}} in ''amarezzare, marezzare'' ec. E cosí l’altre in ''zo'' ec. ''Libycus - libyculus - libeccio'' (''leb''esche, francese); ''corticula - corteccia, scortecciare'' ec.; cangiato l’''i'' latino in ''e'' al solito, e come in tante altre diminuzioni (''orecchia, pecchia'' ec., ''oveja'' ec., ''abeille'' ec. ec.), frequentazioni ec., nominatamente quella in ''ecchi''.... (e le corrispondenti francesi e spagnuole) sí abbondante. Cosí, e secondo il detto a p. {{ZbLink|4500}}, princ., la nostra forma frequentativa ec., sí usitata, in ''eggio eggiare'' sarebbe pur dalla forma latina. - In tutte tali forme, se esse comprendono intera la forma latina, il ''lo lare'', se vi si trova, è una giunta toscana. - Del resto, per forme ed esempi ec., vedi l’indice di questi pensieri in ''Frequentativi, Diminutivi'' ec. (17 maggio).