Differenze tra le versioni di "Pagina:Storia della letteratura italiana I.djvu/20"

nessun oggetto della modifica
(Bot: modifica fittizia Pywikibot)
 
Corpo della pagina (da includere):Corpo della pagina (da includere):
Riga 1: Riga 1:
  +
{{ms}}<poem>
{{ms}}<poem><span style="margin-left:-1.5em">Lassa che mi dicìa,
 
  +
Lassa che mi dicìa,
Quando m’avìa in celato:
+
Quando m’avìa in celato:
« Di te, o vita mia,
+
« Di te, o vita mia,
Mi tegno più pagato.
+
Mi tegno più pagato.
Che s’io avessi in balìa
+
Che s’io avessi in balìa
Lo mondo a signorato ». </poem></div></span>
+
Lo mondo a signorato ». </poem></div>
   
 
Sono sentimenti elementari e irriflessi, che sbuccian fuori nella loro natìa integrità senza immagini e senza concetti. Non ci è poeta di quel tempo, anche trai meno naturali, dove non trovi qualche esempio di questa forma primitiva, elementare, a suon di natura, come dice un poeta popolare, e com’è una prima e subita impressione colta nella sua sincerità. Ed è allora che la lingua esce così viva, e propria e musicale che serba una immortale freschezza, e la diresti ''pur mo’ nata'', e fa contrasto con altre parti ispide dello stesso canto. Rozza assai è una canzone di {{AutoreCitato|Re Enzo|Enzo re}}; ma chi ha pazienza di leggerla, vi trova questa gemma:
 
Sono sentimenti elementari e irriflessi, che sbuccian fuori nella loro natìa integrità senza immagini e senza concetti. Non ci è poeta di quel tempo, anche trai meno naturali, dove non trovi qualche esempio di questa forma primitiva, elementare, a suon di natura, come dice un poeta popolare, e com’è una prima e subita impressione colta nella sua sincerità. Ed è allora che la lingua esce così viva, e propria e musicale che serba una immortale freschezza, e la diresti ''pur mo’ nata'', e fa contrasto con altre parti ispide dello stesso canto. Rozza assai è una canzone di {{AutoreCitato|Re Enzo|Enzo re}}; ma chi ha pazienza di leggerla, vi trova questa gemma: