Differenze tra le versioni di "Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/Se lamentar augelli, o verdi fronde"

Porto il SAL a Edizioni Wikisource
(Porto il SAL a Edizioni Wikisource)
{{Qualità|avz=101%|data=18 luglio 2008|arg=poesie}}{{Intestazione letteratura
|Nome e cognome dell'autore=Francesco Petrarca
|Titolo=Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)
|Iniziale del titolo=C
|Nome della pagina principale=Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)
|Eventuale titolo della sezione o del capitolo=Se lamentar augelli, o verdi frondeCCLXXIX
|Anno di pubblicazione=
|Secolo di pubblicazione=XIV secolo
|URL della versione cartacea a fronte=
}}
{{capitolo
|CapitoloPrecedente=Ne l'età sua piú bella et piú fiorita
|NomePaginaCapitoloPrecedente=Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/Ne l'età sua piú bella et piú fiorita
|CapitoloSuccessivo=Mai non fui in parte ove sí chiar vedessi
|NomePaginaCapitoloSuccessivo=Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/Mai non fui in parte ove sí chiar vedessi
}}
<poem>
Se lamentar augelli, o verdi fronde<br />
mover soavemente a l'aura estiva,<br />
o roco mormorar di lucide onde<br />
s'ode d'una fiorita et fresca riva,<br />
 
{{R|5}}là 'v'io seggia d'amor pensoso et scriva,<br />
lei che 'l ciel ne mostrò, terra n'asconde,<br />
veggio, et odo, et intendo ch'anchor viva<br />
di sí lontano a' sospir' miei risponde.<br />
 
"Deh, perché inanzi 'l tempo ti consume?<br />
{{R|10}}- mi dice con pietate - a che pur versi<br />
degli occhi tristi un doloroso fiume?<br />
 
Di me non pianger tu, ché' miei dí fersi<br />
Se lamentar augelli, o verdi fronde<br />
morendo eterni, et ne l'interno lume,<br />
mover soavemente a l'aura estiva,<br />
quando mostrai de chiuder, gli occhi apersi".<br />
o roco mormorar di lucide onde<br />
</poem>
s'ode d'una fiorita et fresca riva,<br />
<br />
là 'v'io seggia d'amor pensoso et scriva,<br />
lei che 'l ciel ne mostrò, terra n'asconde,<br />
veggio, et odo, et intendo ch'anchor viva<br />
di sí lontano a' sospir' miei risponde.<br />
<br />
"Deh, perché inanzi 'l tempo ti consume?<br />
- mi dice con pietate - a che pur versi<br />
degli occhi tristi un doloroso fiume?<br />
<br />
Di me non pianger tu, ché' miei dí fersi<br />
morendo eterni, et ne l'interno lume,<br />
quando mostrai de chiuder, gli occhi apersi".<br />
<br />
<br />
{{capitolo
|TitoloOpera=Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)
|NomePaginaOpera=Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)
|CapitoloPrecedente=Ne l'età sua piú bella et piú fiorita
|NomePaginaCapitoloPrecedente=Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/Ne l'età sua piú bella et piú fiorita
4 286

contributi