Differenze tra le versioni di "Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1912, XIV.djvu/495"

  Cosa significano le icone?  Cosa significano le icone?
-
Pagine SAL 25%
+
Pagine SAL 75%
Intestazione (non inclusa):Intestazione (non inclusa):
Riga 1: Riga 1:
  +
{{RigaIntestazione||''LA VEDOVA SPIRITOSA''|487|s=si}}
Corpo della pagina (da includere):Corpo della pagina (da includere):
Riga 1: Riga 1:
   
  +
{{Pt|{{Indentatura}}}}
 
{{Sc|Placida.}} Anzi al contrario, piacemi l’allegria, ed abborrisco queste
+
{{Sc|Placida.}} Anzi al contrario, piacemi l’allegria, ed abborrisco queste idee malinconiche.
idee malinconiche.
 
   
 
{{Sc|Ferramondo.}} Posso offerirvi il sangue, se lo volete.
 
{{Sc|Ferramondo.}} Posso offerirvi il sangue, se lo volete.
Riga 14: Riga 13:
 
{{Sc|Ferramondo.}} Io non lo sono finora?
 
{{Sc|Ferramondo.}} Io non lo sono finora?
   
{{Sc|Placida.}} Finora voi non Io foste. Una sorte, un incontro, un
+
{{Sc|Placida.}} Finora voi non lo foste. Una sorte, un incontro, un atomo può innamorare.
atomo può innamorare.
 
   
 
{{Sc|Ferramondo.}} Attenderò dunque il momento per me felice.
 
{{Sc|Ferramondo.}} Attenderò dunque il momento per me felice.
   
  +
{{Sc|Placida.}} Attendetelo pure, ma se alcun altro è il primo, non vi dolete di me. Io bramo di vivere nella mia libertà; se cederò a nuove fiamme, non sarà per inclinazione, ma per destino, ed il destino che accende le fiamme in petto, dipone a suo volere indipendentemente dal cuore. Fate gli sforzi vostri. La piazza è ancora difesa. Ha degli assalti, è vero, ma non è ancora espugnata. Sa bene un capitan valoroso, che ad onta d’ogni difesa, la piazza non può resistere, quando l’assalitore è forte e sagace. Ma pure, ad onta ancora del valore, della forza e della più costante sagacità, quel che decide delle battaglie, è spesse volte il fato. {{Ids|(parte)}}
{{Sc|Placida.}} Attendetelo pure, ma se alcun altro è il primo, non vi
 
  +
dolete di me. Io bramo di vivere nella mia libertà; se cederò
 
  +
{{Sc|Ferramondo.}} Ma insegnami tu, Amore, quello che deggio far per innamorarla. Non anderò per ora lontano da queste soglie. Cercherò di essere il fortunato, e se per vincer la piazza non basterà l’assediarla, un capitano mio pari tenterà per assalto di soggiogarla.
a nuove fiamme, non sarà per inclinazione, ma per destino, ed
 
 
{{Ct|f=100%|v=1|t=3|L=0px|''Fine dell’Atto Secondo.''}}
il destino che accende le fiamme in petto, dipone a suo vo-
 
lere indipendentemente dal cuore. Fate gli sforzi vostri. La piazza
 
è ancora difesa. Ha degli assalti, è vero, ma non è ancora
 
espugnata. Sa bene un capitan valoroso, che ad onta d’ogni
 
difesa, la piazza non può resistere, quando l’assalitore è forte e
 
sagace. Ma pure, ad onta ancora del valore, della forza e della
 
più costante sagacità, quel che decide delle battaglie, è spesse
 
volte il fato. {{Ids|(parte)}}
 
   
  +
<includeonly>{{Sezione note}}</includeonly>
{{Sc|Ferramondo.}} Ma insegnami tu, Amore, quello che deggio far per
 
innamorarla. Non anderò per ora lontano da queste soglie. Cer-
 
cherò di essere il fortunato, e se per vincer la piazza non
 
basterà l’assediarla, un capitano mio pari tenterà per assalto
 
di soggiogarla.
 
Fine dell’Atto Secondo.
 
</div>