Differenze tra le versioni di "Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/602"

(Alex_brollo: split)
 
  Cosa significano le icone?  Cosa significano le icone?
-
Pagine SAL 25%
+
Pagine SAL 75%
Intestazione (non inclusa):Intestazione (non inclusa):
Riga 1: Riga 1:
  +
{{RigaIntestazione|592|''ATTO SECONDO''||s=si}}
Corpo della pagina (da includere):Corpo della pagina (da includere):
Riga 1: Riga 1:
 
<nowiki />
 
<nowiki />
   
{{Pt|{{Indentatura}}}}
 
 
{{Sc|Pantalone}}. E mi gh’ho paura che i manini sia andai.
 
{{Sc|Pantalone}}. E mi gh’ho paura che i manini sia andai.
   
Riga 10: Riga 9:
 
{{Sc|Bettina}}. Oh giusto, mio mario, gnanca per insonio.
 
{{Sc|Bettina}}. Oh giusto, mio mario, gnanca per insonio.
   
{{Sc|Pantalone}}. Zurèlo (i) mo?
+
{{Sc|Pantalone}}. Zurèlo<ref>Sav. e Zatta: ''zurè''.</ref> mo?
   
 
{{Sc|Bettina}}. Cossa vorlo che zura? Mi ghe digo la verità.
 
{{Sc|Bettina}}. Cossa vorlo che zura? Mi ghe digo la verità.
   
{{Sc|Pantalone}}. Ho capio tanto che basta. Tegni da lu. do mali
+
{{Sc|Pantalone}}. Ho capio tanto che basta. Tegnì da lu. do mati insieme. Fè quel che volè, no ghe penso gnente. Fè conto che sia morto. Andeve a far benedir. {{Ids|(parte)}}
 
{{Ct|c=scena|SCENA XXVI.}}
insieme. Fé quel che volè, no ghe penso gnente. Fé conto che
 
  +
{{ct|c=personaggi|Bettina ''sola''.}}
sia morto. Andeve a far benedir. (parte
 
  +
Tiolè, anca lu va in colera, anca lu me abandona. Pazenzia! Avevio mo da zurar? Fina qualche busia, per far ben, la se pol dir<ref>Sav. e Zatta: ''me par che la se possa dir.''</ref>, ma zurar, no seguro. Fazzo quel che posso per no far mal, e se falo, falo per ignoranza. Anca sto interompimento de mio missier m’ha fato perder d’ochio mio mario. Adesso no so più dove trovarlo. Anderò a casa, aspeterò fin che la sorte lo manderà. Intanto me consolerò col mio fantolin. Povera mugier travagiada! Povera Betina sfortunada! Imparè, pute, vualtre che no vede l’ora de maridarve, e che a star in casa vostra ve par de star in galìa. Imparè da mi. Vardè a quante desgrazie xe sogeta una puta che se marida. El mario ve tormenta, i fioi ve strussia, le massere ve fa deventar mate, i parenti ve rimprovera, la zelosia ve consuma. Adesso cognosso quanto che stava megio da puta, e pur ghe vôi tanto ben al mio Pasqualin, che siben ch’el me trata cussì mal, lo tioria de bel niovo, e per elo me contenteria de morir. {{Ids|(parte)}}
{{Ct|t=1.5|v=1|SCENA XXVI.}}
 
  +
{{Ct|f=100%|v=1|t=3|L=0px|''Fine dell’Atto Secondo.''}}
Bettina sola.
 
  +
Tiolè, anca lu va in colera, anca lu me abandona. Pazenzia!
 
  +
Avevio mo da zurar? Fina qualche busia, per far ben, la se
 
  +
poi dir (2), ma zurar, no seguro. Fazzo quel che posso per
 
  +
<includeonly>{{Sezione note}}</includeonly>
no far mal, e se falò, falò per ignoranza. Anca sto interompimento de mio missier m’ha fato perder d’ochio mio mario.
 
Adesso no so più dove trovarlo. Anderò a casa, aspeterò fin
 
che la sorte lo manderà. Intanto me consolerò col mio fantolin.
 
Povera mugier travagiada! Povera Betina sfortunada! Imparè,
 
pute, vualtre che no vede l’ora de maridarve, e che a star
 
in casa vostra ve par de star in gali’a. Imparè da mi. Vardè
 
a quante desgrazie xe sogeta una puta che se marida. El mario
 
ve tormenta, i fìoi ve strussia, le massere ve fa deventar mate,
 
i parenti ve rimprovera, la zelosia ve consuma. Adesso cognosso
 
quanto che stava megio da puta, e pur ghe voi tanto ben a!
 
mio Pasqualin, che siben ch’el me trata cussi mal, lo tioria
 
de bel niovo, e per elo me contenteria de morir. (parte
 
Fine dell’Alto Secondo.
 
( 1 ) Sav. e Zatta: zure. (2) Sav. e Zatla: me par che la se possa dir.
 
</div>
 
Piè di pagina (non incluso)Piè di pagina (non incluso)
Riga 1: Riga 1:
  +
</div>
 
<references/></div>