Differenze tra le versioni di "Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, VII.djvu/72"

m
conversione a templatestyles
m (conversione a templatestyles)
Intestazione (non inclusa):Intestazione (non inclusa):
Riga 1: Riga 1:
{{RigaIntestazione|62|''ATTO TERZO''|}}
+
{{RigaIntestazione|62|''ATTO TERZO''||s=si}}
Corpo della pagina (da includere):Corpo della pagina (da includere):
Riga 1: Riga 1:
 
<poem>
 
<poem>
  +
;Moliere.
{{Al|{{sc|Moliere}}.}}Il cielo vi perdoni. {{Ids|(come sopra)|r}}
+
Il cielo vi perdoni. {{Ids|(come sopra)|r}}
{{Al|{{sc|Bejart}}.|6}}Il cielo ti punisca.
 
  +
;Bejart.
{{Al|{{sc|Moliere}}.}}Ch’io parta permettete, e ch’io vi riverisca.
 
 
{{gap|6em}}Il cielo ti punisca.
{{Ids|(come sopra, e parte)|r}}
 
  +
;Moliere.
 
Ch’io parta permettete, e ch’io vi riverisca.
 
{{Ids|(come sopra, e parte)|r}}
 
</poem>
 
</poem>
 
{{Ct|t=1.5|v=1|SCENA XI<ref>Nell’ed. Bett. è unita alla scena precedente.</ref>.}}
 
{{Ct|t=1.5|v=1|SCENA XI<ref>Nell’ed. Bett. è unita alla scena precedente.</ref>.}}
 
{{Ct|f=100%|v=1|L=0px|''La''{{Sc| Bejart, Isabella}} ''e'' {{Sc|Valerio}}.}}
 
{{Ct|f=100%|v=1|L=0px|''La''{{Sc| Bejart, Isabella}} ''e'' {{Sc|Valerio}}.}}
 
<poem>
 
<poem>
  +
;Valerio.
{{Al|{{sc|Valerio}}.}}(Oh, come la deride!)
 
  +
(Oh, come la deride!)
{{Al|{{sc|Bejart}}.|7}}Di me si prende gioco?
 
  +
;Bejart.
Molier lo sdegno mio conosce ancora poco.
 
 
{{gap|7em}}Di me si prende gioco?
Per te, sfacciata, indegna. {{Ids|(ad Isabella)|r}}
 
 
Molier lo sdegno mio conosce ancora poco.
{{Al|{{sc|Valerio}}.|8}}Signora, e con qual lena
 
 
Per te, sfacciata, indegna. {{Ids|(ad Isabella)|r}}
Andrete furibonda a recitar in scena?
 
  +
;Valerio.
Calmatevi, di grazia.
 
 
{{gap|8em}}Signora, e con qual lena
{{Al|{{sc|Bejart}}.|6}}Mestiere maladetto!
 
 
Andrete furibonda a recitar in scena?
Dover mostrare il viso ridente a suo dispetto!
 
 
Calmatevi, di grazia.
E quando tra le fiamme arde di sdegno il core,
 
  +
;Bejart.
Dover coll’inimico in scena far l’amore!
 
 
{{gap|6em}}Mestiere maladetto!
Andiam... ma la mia parte lasciai sul tavoliere.
 
 
Dover mostrare il viso ridente a suo dispetto!
Foresta. Ehi là. Foresta. Non sente.
 
 
E quando tra le fiamme arde di sdegno il core,
{{Al|{{sc|Valerio}}.|12}}Andrò a vedere...
 
 
Dover coll’inimico in scena far l’amore!
{{Al|{{sc|Bejart}}.}}Se poi non la trovaste, doppio averei scontento.
 
 
Andiam... ma la mia parte lasciai sul tavoliere.
Restate con mia figlia, io torno in un momento. {{Ids|(parte)|r}}
 
 
Foresta. Ehi là. Foresta. Non sente.
  +
;Valerio.
 
{{gap|12em}}Andrò a vedere...
  +
;Bejart.
 
Se poi non la trovaste, doppio averei scontento.
 
Restate con mia figlia, io torno in un momento. {{Ids|(parte)|r}}
 
</poem>
 
</poem>
 
{{Ct|t=1.5|v=1|SCENA XII.}}
 
{{Ct|t=1.5|v=1|SCENA XII.}}
 
{{Ct|f=100%|v=1|L=0px|{{Sc|Isabella}}, {{Sc|Valerio}}, ''poi'' {{Sc|Moliere}}.}}
 
{{Ct|f=100%|v=1|L=0px|{{Sc|Isabella}}, {{Sc|Valerio}}, ''poi'' {{Sc|Moliere}}.}}
 
<poem>
 
<poem>
  +
;Valerio.
{{Al|{{sc|Valerio}}.}}Timor non diavi l’ira dell’aspra genitrice;
+
Timor non diavi l’ira dell’aspra genitrice;
Moliere che v’adora, faravvi un dì felice.
+
Moliere che v’adora, faravvi un dì felice.
{{Al|{{Sc|Isabella}}}}. Ah, più soffrir non posso gì’insulti giornalieri;
+
{{Al|{{Sc|Isabella}}}}. Ah, più soffrir non posso gì’insulti giornalieri;
La madre troppo cruda farà ch’io mi disperi.
+
La madre troppo cruda farà ch’io mi disperi.
 
</poem>
 
</poem>
67 645

contributi