Differenze tra le versioni di "Divina Commedia/Inferno/Canto XXXII"

m
Porto il SAL a SAL 100%
m (Porto il SAL a SAL 100%)
{{Qualità|avz=50100%|data=1318 febbraiomaggio 2008|arg=Poemi}}{{Intestazione letteratura
|Nome e cognome dell'autore=Dante Alighieri
|Titolo=Divina Commedia
|Iniziale del titolo=D
|Nome della pagina principale=Divina Commedia
|Eventuale titolo della sezione o del capitolo=[[Divina Commedia/Inferno|Inferno]]<br /><br />Canto trentaduesimo
|Anno di pubblicazione=
|Secolo di pubblicazione=XIV secolo
<poem>
S'ïo avessi le rime aspre e chiocce,<br />
S'ïo avessi le rime aspre e chiocce,
come si converrebbe al tristo buco<br />
come si converrebbe al tristo buco
sovra 'l qual pontan tutte l'altre rocce, {{r|3}}<br />
sovra 'l qual pontan tutte l'altre rocce, {{r|3}}
<br />
io premerei di mio concetto il suco<br />
più pienamente; ma perch'io non l'abbo,<br />
non sanza tema a dicer mi conduco; {{r|6}}<br />
<br />
ché non è impresa da pigliare a gabbo<br />
discriver fondo a tutto l'universo,<br />
né da lingua che chiami mamma o babbo. {{r|9}}<br />
<br />
Ma quelle donne aiutino il mio verso<br />
ch'aiutaro Anfïone a chiuder Tebe,<br />
sì che dal fatto il dir non sia diverso. {{r|12}}<br />
<br />
Oh sovra tutte mal creata plebe<br />
che stai nel loco onde parlare è duro,<br />
mei foste state qui pecore o zebe! {{r|15}}<br />
<br />
Come noi fummo giù nel pozzo scuro<br />
sotto i piè del gigante assai più bassi,<br />
e io mirava ancora a l'alto muro, {{r|18}}<br />
<br />
dicere udi' mi: "Guarda come passi:<br />
va sì, che tu non calchi con le piante<br />
le teste de' fratei miseri lassi". {{r|21}}<br />
<br />
Per ch'io mi volsi, e vidimi davante<br />
e sotto i piedi un lago che per gelo<br />
avea di vetro e non d'acqua sembiante. {{r|24}}<br />
<br />
Non fece al corso suo sì grosso velo<br />
di verno la Danoia in Osterlicchi,<br />
né Tanaï là sotto 'l freddo cielo, {{r|27}}<br />
<br />
com'era quivi; che se Tambernicchi<br />
vi fosse sù caduto, o Pietrapana,<br />
non avria pur da l'orlo fatto cricchi. {{r|30}}<br />
<br />
E come a gracidar si sta la rana<br />
col muso fuor de l'acqua, quando sogna<br />
di spigolar sovente la villana, {{r|33}}<br />
<br />
livide, insin là dove appar vergogna<br />
eran l'ombre dolenti ne la ghiaccia,<br />
mettendo i denti in nota di cicogna. {{r|36}}<br />
<br />
Ognuna in giù tenea volta la faccia;<br />
da bocca il freddo, e da li occhi il cor tristo<br />
tra lor testimonianza si procaccia. {{r|39}}<br />
<br />
Quand'io m'ebbi dintorno alquanto visto,<br />
volsimi a' piedi, e vidi due sì stretti,<br />
che 'l pel del capo avieno insieme misto. {{r|42}}<br />
<br />
"Ditemi, voi che sì strignete i petti",<br />
diss'io, "chi siete?". E quei piegaro i colli;<br />
e poi ch'ebber li visi a me eretti, {{r|45}}<br />
<br />
li occhi lor, ch'eran pria pur dentro molli,<br />
gocciar su per le labbra, e 'l gelo strinse<br />
le lagrime tra essi e riserrolli. {{r|48}}<br />
<br />
Con legno legno spranga mai non cinse<br />
forte così; ond'ei come due becchi<br />
cozzaro insieme, tanta ira li vinse. {{r|51}}<br />
<br />
E un ch'avea perduti ambo li orecchi<br />
per la freddura, pur col viso in giùe,<br />
disse: "Perché cotanto in noi ti specchi? {{r|54}}<br />
<br />
Se vuoi saper chi son cotesti due,<br />
la valle onde Bisenzo si dichina<br />
del padre loro Alberto e di lor fue. {{r|57}}<br />
<br />
D'un corpo usciro; e tutta la Caina<br />
potrai cercare, e non troverai ombra<br />
degna più d'esser fitta in gelatina: {{r|60}}<br />
<br />
non quelli a cui fu rotto il petto e l'ombra<br />
con esso un colpo per la man d'Artù;<br />
non Focaccia; non questi che m'ingombra {{r|63}}<br />
<br />
col capo sì, ch'i' non veggio oltre più,<br />
e fu nomato Sassol Mascheroni;<br />
se tosco se', ben sai omai chi fu. {{r|66}}<br />
<br />
E perché non mi metti in più sermoni,<br />
sappi ch'i' fu' il Camiscion de' Pazzi;<br />
e aspetto Carlin che mi scagioni". {{r|69}}<br />
<br />
Poscia vid'io mille visi cagnazzi<br />
fatti per freddo; onde mi vien riprezzo,<br />
e verrà sempre, de' gelati guazzi. {{r|72}}<br />
<br />
E mentre ch'andavamo inver' lo mezzo<br />
al quale ogne gravezza si rauna,<br />
e io tremava ne l'etterno rezzo; {{r|75}}<br />
<br />
se voler fu o destino o fortuna,<br />
non so; ma, passeggiando tra le teste,<br />
forte percossi 'l piè nel viso ad una. {{r|78}}<br />
<br />
Piangendo mi sgridò: "Perché mi peste?<br />
se tu non vieni a crescer la vendetta<br />
di Montaperti, perché mi moleste?". {{r|81}}<br />
<br />
E io: "Maestro mio, or qui m'aspetta,<br />
sì ch'io esca d'un dubbio per costui;<br />
poi mi farai, quantunque vorrai, fretta". {{r|84}}<br />
<br />
Lo duca stette, e io dissi a colui<br />
che bestemmiava duramente ancora:<br />
"Qual se' tu che così rampogni altrui?". {{r|87}}<br />
<br />
"Or tu chi se' che vai per l'Antenora,<br />
percotendo", rispuose, "altrui le gote,<br />
sì che, se fossi vivo, troppo fora?". {{r|90}}<br />
<br />
"Vivo son io, e caro esser ti puote",<br />
fu mia risposta, "se dimandi fama,<br />
ch'io metta il nome tuo tra l'altre note". {{r|93}}<br />
<br />
Ed elli a me: "Del contrario ho io brama.<br />
Lèvati quinci e non mi dar più lagna,<br />
ché mal sai lusingar per questa lama!". {{r|96}}<br />
<br />
Allor lo presi per la cuticagna<br />
e dissi: "El converrà che tu ti nomi,<br />
o che capel qui sù non ti rimagna". {{r|99}}<br />
<br />
Ond'elli a me: "Perché tu mi dischiomi,<br />
né ti dirò ch'io sia, né mosterrolti<br />
se mille fiate in sul capo mi tomi". {{r|102}}<br />
<br />
Io avea già i capelli in mano avvolti,<br />
e tratti glien'avea più d'una ciocca,<br />
latrando lui con li occhi in giù raccolti, {{r|105}}<br />
<br />
quando un altro gridò: "Che hai tu, Bocca?<br />
non ti basta sonar con le mascelle,<br />
se tu non latri? qual diavol ti tocca?". {{r|108}}<br />
<br />
"Omai", diss'io, "non vo' che più favelle,<br />
malvagio traditor; ch'a la tua onta<br />
io porterò di te vere novelle". {{r|111}}<br />
<br />
"Va via", rispuose, "e ciò che tu vuoi conta;<br />
ma non tacer, se tu di qua entro eschi,<br />
di quel ch'ebbe or così la lingua pronta. {{r|114}}<br />
<br />
El piange qui l'argento de' Franceschi:<br />
"Io vidi", potrai dir, "quel da Duera<br />
là dove i peccatori stanno freschi". {{r|117}}<br />
<br />
Se fossi domandato "Altri chi v'era?",<br />
tu hai dallato quel di Beccheria<br />
di cui segò Fiorenza la gorgiera. {{r|120}}<br />
<br />
Gianni de' Soldanier credo che sia<br />
più là con Ganellone e Tebaldello,<br />
ch'aprì Faenza quando si dormia". {{r|123}}<br />
<br />
Noi eravam partiti già da ello,<br />
ch'io vidi due ghiacciati in una buca,<br />
sì che l'un capo a l'altro era cappello; {{r|126}}<br />
<br />
e come 'l pan per fame si manduca,<br />
così 'l sovran li denti a l'altro pose<br />
là 've 'l cervel s'aggiugne con la nuca: {{r|129}}<br />
<br />
non altrimenti Tidëo si rose<br />
le tempie a Menalippo per disdegno,<br />
che quei faceva il teschio e l'altre cose. {{r|132}}<br />
<br />
"O tu che mostri per sì bestial segno<br />
odio sovra colui che tu ti mangi,<br />
dimmi 'l perché", diss'io, "per tal convegno, {{r|135}}<br />
<br />
che se tu a ragion di lui ti piangi,<br />
sappiendo chi voi siete e la sua pecca,<br />
nel mondo suso ancora io te ne cangi, {{r|138}}<br />
<br />
se quella con ch'io parlo non si secca".
 
io premerei di mio concetto il suco
più pienamente; ma perch'io non l'abbo,
non sanza tema a dicer mi conduco; {{r|6}}
 
ché non è impresa da pigliare a gabbo
discriver fondo a tutto l'universo,
né da lingua che chiami mamma o babbo. {{r|9}}
 
Ma quelle donne aiutino il mio verso
ch'aiutaro Anfïone a chiuder Tebe,
sì che dal fatto il dir non sia diverso. {{r|12}}
 
Oh sovra tutte mal creata plebe
che stai nel loco onde parlare è duro,
mei foste state qui pecore o zebe! {{r|15}}
 
Come noi fummo giù nel pozzo scuro
sotto i piè del gigante assai più bassi,
e io mirava ancora a l'alto muro, {{r|18}}
 
dicere udi' mi: "Guarda come passi:
va sì, che tu non calchi con le piante
le teste de' fratei miseri lassi". {{r|21}}
 
Per ch'io mi volsi, e vidimi davante
e sotto i piedi un lago che per gelo
avea di vetro e non d'acqua sembiante. {{r|24}}
 
Non fece al corso suo sì grosso velo
di verno la Danoia in Osterlicchi,
né Tanaï là sotto 'l freddo cielo, {{r|27}}
 
com'era quivi; che se Tambernicchi
vi fosse sù caduto, o Pietrapana,
non avria pur da l'orlo fatto cricchi. {{r|30}}
 
E come a gracidar si sta la rana
col muso fuor de l'acqua, quando sogna
di spigolar sovente la villana, {{r|33}}
 
livide, insin là dove appar vergogna
eran l'ombre dolenti ne la ghiaccia,
mettendo i denti in nota di cicogna. {{r|36}}
 
Ognuna in giù tenea volta la faccia;
da bocca il freddo, e da li occhi il cor tristo
tra lor testimonianza si procaccia. {{r|39}}
 
Quand'io m'ebbi dintorno alquanto visto,
volsimi a' piedi, e vidi due sì stretti,
che 'l pel del capo avieno insieme misto. {{r|42}}
 
"Ditemi, voi che sì strignete i petti",
diss'io, "chi siete?". E quei piegaro i colli;
e poi ch'ebber li visi a me eretti, {{r|45}}
 
li occhi lor, ch'eran pria pur dentro molli,
gocciar su per le labbra, e 'l gelo strinse
le lagrime tra essi e riserrolli. {{r|48}}
 
Con legno legno spranga mai non cinse
forte così; ond'ei come due becchi
cozzaro insieme, tanta ira li vinse. {{r|51}}
 
E un ch'avea perduti ambo li orecchi
per la freddura, pur col viso in giùe,
disse: "Perché cotanto in noi ti specchi? {{r|54}}
 
Se vuoi saper chi son cotesti due,
la valle onde Bisenzo si dichina
del padre loro Alberto e di lor fue. {{r|57}}
 
D'un corpo usciro; e tutta la Caina
potrai cercare, e non troverai ombra
degna più d'esser fitta in gelatina: {{r|60}}
 
non quelli a cui fu rotto il petto e l'ombra
con esso un colpo per la man d'Artù;
non Focaccia; non questi che m'ingombra {{r|63}}
 
col capo sì, ch'i' non veggio oltre più,
e fu nomato Sassol Mascheroni;
se tosco se', ben sai omai chi fu. {{r|66}}
 
E perché non mi metti in più sermoni,
sappi ch'i' fu' il Camiscion de' Pazzi;
e aspetto Carlin che mi scagioni". {{r|69}}
 
Poscia vid'io mille visi cagnazzi
fatti per freddo; onde mi vien riprezzo,
e verrà sempre, de' gelati guazzi. {{r|72}}
 
E mentre ch'andavamo inver' lo mezzo
al quale ogne gravezza si rauna,
e io tremava ne l'etterno rezzo; {{r|75}}
 
se voler fu o destino o fortuna,
non so; ma, passeggiando tra le teste,
forte percossi 'l piè nel viso ad una. {{r|78}}
 
Piangendo mi sgridò: "Perché mi peste?
se tu non vieni a crescer la vendetta
di Montaperti, perché mi moleste?". {{r|81}}
 
E io: "Maestro mio, or qui m'aspetta,
sì ch'io esca d'un dubbio per costui;
poi mi farai, quantunque vorrai, fretta". {{r|84}}
 
Lo duca stette, e io dissi a colui
che bestemmiava duramente ancora:
"Qual se' tu che così rampogni altrui?". {{r|87}}
 
"Or tu chi se' che vai per l'Antenora,
percotendo", rispuose, "altrui le gote,
sì che, se fossi vivo, troppo fora?". {{r|90}}
 
"Vivo son io, e caro esser ti puote",
fu mia risposta, "se dimandi fama,
ch'io metta il nome tuo tra l'altre note". {{r|93}}
 
Ed elli a me: "Del contrario ho io brama.
Lèvati quinci e non mi dar più lagna,
ché mal sai lusingar per questa lama!". {{r|96}}
 
Allor lo presi per la cuticagna
e dissi: "El converrà che tu ti nomi,
o che capel qui sù non ti rimagna". {{r|99}}
 
Ond'elli a me: "Perché tu mi dischiomi,
né ti dirò ch'io sia, né mosterrolti
se mille fiate in sul capo mi tomi". {{r|102}}
 
Io avea già i capelli in mano avvolti,
e tratti glien'avea più d'una ciocca,
latrando lui con li occhi in giù raccolti, {{r|105}}
 
quando un altro gridò: "Che hai tu, Bocca?
non ti basta sonar con le mascelle,
se tu non latri? qual diavol ti tocca?". {{r|108}}
 
"Omai", diss'io, "non vo' che più favelle,
malvagio traditor; ch'a la tua onta
io porterò di te vere novelle". {{r|111}}
 
"Va via", rispuose, "e ciò che tu vuoi conta;
ma non tacer, se tu di qua entro eschi,
di quel ch'ebbe or così la lingua pronta. {{r|114}}
 
El piange qui l'argento de' Franceschi:
"Io vidi", potrai dir, "quel da Duera
là dove i peccatori stanno freschi". {{r|117}}
 
Se fossi domandato "Altri chi v'era?",
tu hai dallato quel di Beccheria
di cui segò Fiorenza la gorgiera. {{r|120}}
 
Gianni de' Soldanier credo che sia
più là con Ganellone e Tebaldello,
ch'aprì Faenza quando si dormia". {{r|123}}
 
Noi eravam partiti già da ello,
ch'io vidi due ghiacciati in una buca,
sì che l'un capo a l'altro era cappello; {{r|126}}
 
e come 'l pan per fame si manduca,
così 'l sovran li denti a l'altro pose
là 've 'l cervel s'aggiugne con la nuca: {{r|129}}
 
non altrimenti Tidëo si rose
le tempie a Menalippo per disdegno,
che quei faceva il teschio e l'altre cose. {{r|132}}
 
"O tu che mostri per sì bestial segno
odio sovra colui che tu ti mangi,
dimmi 'l perché", diss'io, "per tal convegno, {{r|135}}
 
che se tu a ragion di lui ti piangi,
sappiendo chi voi siete e la sua pecca,
nel mondo suso ancora io te ne cangi, {{r|138}}
 
se quella con ch'io parlo non si secca".
</poem>
 
 
45 760

contributi