Differenze tra le versioni di "Pagina:Poemetti allegorico-didattici del secolo XIII, 1941 – BEIC 1894103.djvu/223"

Modifica pagina via js
(Modifica pagina via js)
(Modifica pagina via js)
Corpo della pagina (da includere):Corpo della pagina (da includere):
Riga 1: Riga 1:
 
<poem>
 
<poem>
 
parea ch’al ciel n’andsse lo clamore.
 
parea ch’al ciel n’andsse lo clamore.
«Dolze figliuolo!» diceva Ecubà.
+
«Dolze figliuolo!» diceva Ecubá.
«Signor!» dicea la moglie Andromadà
+
«Signor!» dicea la moglie Andromadá
 
Piangean quasi le pietre per su’ amore.
 
Piangean quasi le pietre per su’ amore.
   
Evi si com’Ettòre imbalsimaro, {{O|272|al}}
+
Èvi si com’Ettòre imbalsimaro, {{O|272|al}}
 
e fecerli una ricca sepoltura;
 
e fecerli una ricca sepoltura;
 
e’ santi clergi l’aromatizzaro,
 
e’ santi clergi l’aromatizzaro,
Riga 17: Riga 17:
 
La bella Pollisena Ettòr piangea, {{O|273|al}}
 
La bella Pollisena Ettòr piangea, {{O|273|al}}
 
quand’Accillesse sorprese d’amore,
 
quand’Accillesse sorprese d’amore,
di guisa che posar già non potea,
+
di guisa che posar giá non potea,
sí tenea la bieltà sua preso ’l core.
+
sí tenea la bieltá sua preso ’l core.
 
Mandò un messo, s’a ’Cuba piacea,
 
Mandò un messo, s’a ’Cuba piacea,
che non sarebbe più combattitore
+
che non sarebbe piú combattitore
 
sopr’ai Troiani Accille, nè sua gente:
 
sopr’ai Troiani Accille, nè sua gente:
 
i Greci al padiglion venían sovente,
 
i Greci al padiglion venían sovente,