Pagina:Poemetti allegorico-didattici del secolo XIII, 1941 – BEIC 1894103.djvu/193: differenze tra le versioni

Modifica pagina via js
(Modifica pagina via js)
(Modifica pagina via js)
Corpo della pagina (da includere):Corpo della pagina (da includere):
Riga 17: Riga 17:
I re, i conti, i cavalier dipinti {{O|163|al}}
I re, i conti, i cavalier dipinti {{O|163|al}}
vi son, come s’andaro acompagnando;
vi son, come s’andaro acompagnando;
e più che i vincitor diceano i vinti:
e piú che i vincitor diceano i vinti:
«Perchè tarde, Pompeo? che va’ pensando?
«Perchè tarde, Pompeo? che va’ pensando?
Credi che sian l’Iddei per noi infinti?
Credi che sian l’Iddei per noi infinti?