Differenze tra le versioni di "Pagina:Ascensioni umane Fogazzaro.djvu/113"

(→‎Pagine SAL 25%: Creata nuova pagina: Per la bellezza d'un’idea or a discutere pubblicamente, in seno a una società tedesca di psicologia, intorno alla forma del suo cranio, n...)
 
 
  Cosa significano le icone?  Cosa significano le icone?
-
Pagine SAL 25%
+
Pagine SAL 75%
Intestazione (non inclusa):Intestazione (non inclusa):
Riga 1: Riga 1:
  +
{{RigaIntestazione||''Per la bellezza d’un’idea''|91|riga=si}}
Corpo della pagina (da includere):Corpo della pagina (da includere):
Riga 1: Riga 1:
  +
a discutere pubblicamente, in seno a una società tedesca di psicologia, intorno alla forma del suo cranio, nella quale occasione quegli psicologi giudicarono ch’egli avesse il bernoccolo del rispetto all’autorità, grosso per dieci preti. Quando morì, i buddisti dell’isola di Ceylan furono chiamati dal loro pontefice Soumangala a festeggiare solennemente l’entrata del grande trasformista nel Nirvana di Buddha. Ma tanto fumo ha presso che nascosti alla vista del pubblico i precursori del naturalista inglese, e, come sogliono i vapori, ha ingrandite e alterate le parvenze della immagine che circonda, Darwin diventò agli occhi delle moltitudini il padre legittimo della ipotesi trasformista e la si chiamò quindi popolarmente, dal nome di lui, darwinismo, mentre egli aveva puramente ideato un modo pratico di farla stare in piedi. Questa nebbia classica circonda ancora il Dio, e se uno di noi profani vi entra oggi e vi guarda le cose da vicino, vi discerne ciò che non avrebbe creduto. La vera Chiesa darwiniana ortodossa non esiste, si può dire, più. Darwin ha tuttavia il suo altare dove riceve un culto d’inni e d’incensi; ma i suoi stessi sacerdoti sono liberi pensatori che sparlano, nelle sagrestie, del dogma. Forse il prof. Huxley, apostolo dell’Inghilterra, è il solo nel mondo scientifico cui la teoria darwiniana paia assisa stabilmente
Per la bellezza d'un’idea or
 
 
a discutere pubblicamente, in seno a una società
 
tedesca di psicologia, intorno alla forma del suo
 
cranio, nella quale occasione quegli psicologi giu-
 
dicarono ch'egli avesse il bernoccolo del rispetto
 
all'autorità, grosso per dieci preti. Quando morì,
 
i buddisti dell'isola di Ceylan furono chiamati dal
 
loro pontefice Soumangala a festeggiare solenne-
 
mente l’entrata del grande trasformista nel Nirvana
 
di Buddha. Ma tanto fumo ha presso che nascosti
 
alla vista del pubblico i precursori del naturalista
 
inglese, e, come sogliono i vapori, ha ingrandite
 
e alterate le parvenze della immagine che circonda,
 
Darwin diventò agli occhi delle moltitudini il padre
 
legittimo della ipotesi trasformista e la si chiamò
 
quindi popolarmente, dal nome di lui, darwinismo,
 
mentre egli aveva puramente ideato un modo pra-
 
tico di farla stare in piedi. Questa nebbia classica
 
circonda ancora il Dio, e se uno di noi profani
 
vi entra oggi e vi guarda le cose da vicino, vi
 
discerne ciò che non avrebbe creduto. La vera
 
Chiesa darwiniana ortodossa non esiste, si può
 
dire, più. Darwin ha tuttavia il suo altare dove
 
riceve un culto d’inni e d'incensi; ma i suoi stessi
 
sacerdoti sono liberi pensatori che sparlano, nelle
 
sagrestie, del dogma. Forse il prof. Huxley, apo-
 
stolo dell'Inghilterra, è il solo nel mondo scienti-
 
fico cui la teoria darwiniana paia assisa stabilmente
 
32 848

contributi