Differenze tra le versioni di "Pagina:Dübner - Grammatica elementare e pratica della lingua greca, Firenze, Paggi, 1857.djvu/31"

{{RigaIntestazione|12|{{Sc|grammatica greca.}}|}}
(→‎Pagine SAL 25%: Creata nuova pagina: versi con l’istesso alfabeto. Ma una meraviglia anche più grande è l’organismo della lingua in se, di cui imporla, che il discente pos...)
 
({{RigaIntestazione|12|{{Sc|grammatica greca.}}|}})
 
Intestazione (non inclusa):Intestazione (non inclusa):
Riga 1: Riga 1:
  +
{{RigaIntestazione|12|{{Sc|grammatica greca.}}|}}
Grammatica greca
 
Corpo della pagina (da includere):Corpo della pagina (da includere):
Riga 1: Riga 1:
   
 
versi con l’istesso alfabeto. Ma una meraviglia anche più grande è l’organismo della lingua in se, di cui imporla, che il discente
 
versi con l’istesso alfabeto. Ma una meraviglia anche più grande è l’organismo della lingua in se, di cui imporla, che il discente
possegga un’idea generale, che lo guidi, e Io illumini nello studio de’ particolari.
+
possegga un’idea generale, che lo guidi, e Io illumini nello studio de’ particolari.
   
§ U.
+
§ 14.
 
ORGANISMO DELLA LINGUA E CLASSI DELLE PAROLE.
 
ORGANISMO DELLA LINGUA E CLASSI DELLE PAROLE.
 
Se la lingua potesse presentarcisi come un invenzione di ieri, e di cui non avessimo avuto sin qui conoscenza nessuna, noi saremmo presi di meraviglia, e la giudicheremmo l’opera la più prodigiosa dello spirito umano. Ma la ci è divenuta famigliare dalla più tenera infanzia, e questa stupenda creazione ha perduto il suo prestigio, ugualmente che le meraviglie della natura, che ci circondano. Per buona ventura però alcuni riflessi, alla portata di tutte le intelligenze, bastano a farci sentire l’incredibile immensità del suo ufficio e l’estrema semplicità de’ mezzi, con cui ella lo compie.
 
Se la lingua potesse presentarcisi come un invenzione di ieri, e di cui non avessimo avuto sin qui conoscenza nessuna, noi saremmo presi di meraviglia, e la giudicheremmo l’opera la più prodigiosa dello spirito umano. Ma la ci è divenuta famigliare dalla più tenera infanzia, e questa stupenda creazione ha perduto il suo prestigio, ugualmente che le meraviglie della natura, che ci circondano. Per buona ventura però alcuni riflessi, alla portata di tutte le intelligenze, bastano a farci sentire l’incredibile immensità del suo ufficio e l’estrema semplicità de’ mezzi, con cui ella lo compie.
3 178

contributi