Differenze tra le versioni di "Pagina:Deledda - La giustizia, Milano, Treves, 1929.djvu/286"

(Divudi85: split)
 
 
  Cosa significano le icone?  Cosa significano le icone?
-
Pagine SAL 25%
+
Pagine SAL 75%
Intestazione (non inclusa):Intestazione (non inclusa):
Riga 1: Riga 1:
  +
{{RigaIntestazione||— 278 —|}}
Corpo della pagina (da includere):Corpo della pagina (da includere):
Riga 1: Riga 1:
  +
 
che afferri tuo padre per il ciuffo e lo liberi io?...
 
che afferri tuo padre per il ciuffo e lo liberi io?...
   
Riga 5: Riga 6:
 
Udendolo ora parlare con tanto sarcasmo, anzi con fredda e crudele beffa, gli veniva una pazza voglia felina di slanciarglisi sopra e ficcargli le unghie nella gola.
 
Udendolo ora parlare con tanto sarcasmo, anzi con fredda e crudele beffa, gli veniva una pazza voglia felina di slanciarglisi sopra e ficcargli le unghie nella gola.
   
— Meno male!, ripeté guardandolo minacciosamente. — Meno male che al danno aggiunge la beffa! Buon pro gli faccia, buon pro! Ma stia attento anche lei, ché il denaro non sempre salva dalla morte e dal disonore... E Filippo Gonnesa è ancora fuori!...
+
— Meno male! — ripetè guardandolo minacciosamente. — Meno male che al danno aggiunge la beffa! Buon pro gli faccia, buon pro! Ma stia attento anche lei, chè il denaro non sempre salva dalla morte e dal disonore... E Filippo Gonnesa è ancora fuori!...
   
— Cosa vuoi dire, tu?, gridò Stefano, facendosi serio e alzando il frustino d’oleandro.
+
— Cosa vuoi dire, tu? gridò Stefano, facendosi serio e alzando il frustino d’oleandro.
   
 
Istintivamente, temendo un colpo, Bore curvò gli occhi e le spalle, e cercò di allontanarsi, ma la giumenta di Stefano rinculò ancora, e ancora i due si trovarono vicini.
 
Istintivamente, temendo un colpo, Bore curvò gli occhi e le spalle, e cercò di allontanarsi, ma la giumenta di Stefano rinculò ancora, e ancora i due si trovarono vicini.
   
— Cosa vuoi dunque dire con le tue sciocchezze?, ripeté il signore, scuotendo in aria il ramoscello. — Bada bene che io non soffro scherzi di cattivo genere, giovinotto! Finché si tratta di burlare, sta bene, burliamo pure, ma quando poi si passa il limite! Con chi ti
+
— Cosa vuoi dunque dire con le tue sciocchezze? — ripetè il signore, scuotendo in aria il ramoscello. — Bada bene che io non soffro scherzi di cattivo genere, giovinotto! Finchè si tratta di burlare, sta bene, burliamo pure, ma quando poi si passa il limite! Con chi ti
Piè di pagina (non incluso)Piè di pagina (non incluso)
Riga 1: Riga 1:
 
<references/></div>
 
35 565

contributi