Differenze tra le versioni di "Italia - 10 giugno 1940, Annuncio della dichiarazione di guerra"

nessun oggetto della modifica
Uomini e donne d'Italia, dell'Impero e del Regno d'Albania.
 
Ascoltate! ''(Acclamazioni)''
 
Un'ora segnata dal destino batte nel cielo della nostra patria. ''(Acclamazioni vivissime)''
 
L'ora delle decisioni irrevocabili. ''(Un urlo di acclamazione)''
 
La dichiarazione di guerra è già stata consegnata ''(Acclamazioni, grida altissime di: «Guerra! Guerra!»)'' agli ambasciatori di Gran Bretagna e di Francia. ''(Acclamazioni)''
 
Scendiamo in campo contro le democrazie plutocratiche e reazionarie dell'Occidente, che, in ogni tempo, hanno ostacolato la marcia, e spesso insidiato l'esistenza medesima del popolo italiano.
Alcuni lustri della storia più recente si possono riassumere in queste frasi: promesse, minacce, ricatti e, alla fine, quale coronamento dell'edificio, l'ignobile assedio societario di cinquantadue Stati.
 
La nostra coscienza è assolutamente tranquilla. ''(Applausi)''
 
Con voi il mondo intero è testimone che l'Italia del Littorio ha fatto quanto era umanamente possibile per evitare la tormenta che sconvolge l'Europa; ma tutto fu vano.
Italiani!
 
In una memorabile adunata, quella di Berlino, io dissi che, secondo le leggi della morale fascista, quando si ha un amico si marcia con lui sino in fondo. ''(« Duce! Duce! Duce! »)''
Questo abbiamo fatto e faremo con la Germania, col suo popolo, con le sue meravigliose Forze Armate.
 
In questa vigilia di un evento di una portata secolare, rivolgiamo il nostro pensiero alla Maestà del re imperatore (la moltitudine prorompe in grandi acclamazioni all'indirizzo di Casa Savoia), che, come sempre, ha interpretato l'anima della patria. E salutiamo alla voce il Führer, il capo della grande Germania alleata. ''(Il popolo acclama lungamente all'indirizzo di Hitler)''
 
L'Italia, proletaria e fascista, è per la terza volta in piedi, forte, fiera e compatta come non mai. ''(La moltitudine grida con una sola voce: « Sì! »)''
 
La parola d'ordine è una sola, categorica e impegnativa per tutti.
 
Essa già trasvola ed accende i cuori dalle Alpi all'Oceano Indiano: vincere! ''(Il popolo prorompe in altissime acclamazioni)''
 
E vinceremo, per dare finalmente un lungo periodo di pace con la giustizia all'Italia, all'Europa, al mondo.
7 766

contributi