Differenze tra le versioni di "Rime (Guittone d'Arezzo)/Se 'l nome deve seguitar lo fatto"

m
Alex_brollo: split
m (Alex_brollo: match)
m (Alex_brollo: split)
</div></onlyinclude><!-- a qui -->{{Qualità|avz=75%|data=13 settembre 2008|arg=poesie}}{{IncludiIntestazione|sottotitolo=Se 'l nome deve seguitar lo fatto|autore=Ubertino Del Bianco|prec=../Giudicare e veder del tutto fermo|succ=../Giudice Ubertin, in catun fatto}}
 
==[[Pagina:Guittone d'Arezzo – Rime, 1940 – BEIC 1851078.djvu/255]]==
{{Ct|f=100%|v=1|t=2|L=0px|208}}
{{Ct|f=90%|v=1|L=0px|lh=1.2|Il giudice Ubertino ritiene pazza la condizione di Guittone dopo la conversione.}}
 
<pages index==[[Pagina:"Guittone d'Arezzo – Rime, 1940 – BEIC 1851078.djvu/" from=255]]= to=255 />
 
<poem>
Se ’l nome deve seguitar lo fatto,
vera vita è la tua, {{Ac|Guittone d'Arezzo|fra Guittone}};
e se saver è far vita d’om matto,
{{R|4}}ancora è bona tua condizione;
ma s’elli è danno perder senza accatto,
tutto mi piace assai religione,
e’ non te cambieria de vita in patto,
{{R|8}}se mi giungessi assai d’orazione.
Ancor te ’l pogna l’om pur per savere,
che de pura coscienza e nigrettosa
{{R|11}}se’ dato a povertà e male avere,
e io ben te ne pregio in qualche cosa,
perché fai vita, quanto al mi’ parere,
{{R|14}}leggera a Dio e al mondo noiosa.
</poem>
144 309

contributi