Differenze tra le versioni di "Rime (Guittone d'Arezzo)/O carissimi miei, qual è cagione"

m
Alex_brollo: split
m (Alex_brollo: match)
m (Alex_brollo: split)
 
</div></onlyinclude><!-- a qui -->{{Qualità|avz=75%|data=13 settembre 2008|arg=poesie}}{{IncludiIntestazione|sottotitolo=O carissimi miei, qual è cagione|prec=../De vizi tutti, frati, e vertù dire|succ=../Necessaro mangiar e bere è chiaro}}
 
==[[Pagina:Guittone d'Arezzo – Rime, 1940 – BEIC 1851078.djvu/252]]==
{{Ct|f=100%|v=1|t=2|L=0px|202}}
{{Ct|f=90%|v=1|L=0px|lh=1.2|Perché non ubbidiamo a Dio? È egli forse malvagio?.}}
 
<pages index==[[Pagina:"Guittone d'Arezzo – Rime, 1940 – BEIC 1851078.djvu/" from=252]] to=252 fromsection=s2 />
 
<poem>
O carissimi miei, qual è cagione
per che sì forte Dio disubidimo?
Ô ch’el sia reo, o che ’l non giusto ’npone?
{{R|4}}Ché s’è ciò, certo non mal, se ’l fugimo.
Veggiamo donque d’esso onni offensione.
Ô lo bon sommo, e di bon tutto è primo,
ed impon noi che cor, fatt’e sermone
{{R|8}}abbiàn lungi d’onni dilaido limo.
Discreto, retto, agente ordin orrato
vol costum’ogni nostro, e a be sia,
{{R|11}}e che l’un aggia all’altro in catun fato
amore, bonitate e cortesia;
e regno in pregio dar, s’è ciò servato:
{{R|14}}ecco rea di lui tutto e villania.
</poem>
146 727

contributi