Differenze tra le versioni di "Rime (Guittone d'Arezzo)/Dolze vertù, mansuetudo, e degna"

m
Alex_brollo: split
m (Alex_brollo: match)
m (Alex_brollo: split)
 
</div></onlyinclude><!-- a qui -->{{Qualità|avz=75%|data=13 settembre 2008|arg=poesie}}{{IncludiIntestazione|sottotitolo=Dolze vertù, mansuetudo, e degna|prec=../Pensand'om che val bon disio, fa d'esso|succ=../O tu, devino amor bon, caritate }}
 
==[[Pagina:Guittone d'Arezzo – Rime, 1940 – BEIC 1851078.djvu/248]]==
{{Ct|f=100%|v=1|t=2|L=0px|194}}
{{Ct|f=90%|v=1|L=0px|lh=1.2|La mansuetudine.}}
 
<pages index==[[Pagina:"Guittone d'Arezzo – Rime, 1940 – BEIC 1851078.djvu/" from=248]] to=248 fromsection=s2 />
 
<poem>
Dolze vertù, mansuetudo, e degna,
e amatissim’a tutti, e graziosa,
no ira mai ’n te, né scandal regna,
{{R|4}}ma nel mezzo di guerra ’n pace hai posa;
ed in terr’ed in ciel gaudi tu’ regna,
e non già t’è nemic’alcuna cosa.
Ira, la qual contrar’a te s’assegna,
{{R|8}}che piò che fera quasi è feriosa,
te deletta, te chere, e te s’enchina,
a ciò che tu li aiuti onne su’ ardore;
{{R|11}}e dolcissima lei se’ medicina.
Oh, quanto è bono tuo, quanto bellore!
Sì come naso a viso e tu a dottrina,
{{R|14}}tu, di costumi ornament’e colore.
</poem>
146 727

contributi