Differenze tra le versioni di "Rime (Guittone d'Arezzo)/Se vole, amico, amor gioi a te dare"

m
Alex_brollo: split
m (Alex_brollo: match)
m (Alex_brollo: split)
 
</div></onlyinclude><!-- a qui -->{{Qualità|avz=75%|data=13 settembre 2008|arg=poesie}}{{IncludiIntestazione|sottotitolo=Se vole, amico, amor gioi a te dare|prec=../Messer Bottaccio amico, ogn'animale|succ=../Messer Giovanni amico, 'n vostro amore}}
 
==[[Pagina:Guittone d'Arezzo – Rime, 1940 – BEIC 1851078.djvu/227]]==
{{Ct|f=100%|v=1|t=2|L=0px|155}}
{{Ct|f=90%|v=1|L=0px|lh=1.2|Ad un amico perché non si lasci piú ingannare da Amore.}}
 
<pages index==[[Pagina:"Guittone d'Arezzo – Rime, 1940 – BEIC 1851078.djvu/" from=227]] to=227 fromsection=s2 />
 
<poem>
Se vole, amico, amor gioi a te dare,
non poc’hail a pregiare,
ché ben te fa, che non fec’ad om nato.
Ché gioi non diede mai, né volle dare,
{{R|5}}né di darla mi pare
fosse podere ’n lui anche trovato.
Ma valor e poder de danneggiare
senz’alcun quasi pare
non fo giorno de lui desaprestato.
{{R|10}}Pungente spina non po già fico dare,
né amor gioi d’amare,
se non fosse per te desnatorato.
Despiacciate, despiacci’, amico, d’esso
piò galear te stesso,
{{R|15}}contandote, che noi lenti, piacere;
e, s’hai gioia ’n calere,
chierl’ove tutto for languire ha presso.
Mira, mira che alore e che savere,
che corpo e che podere,
{{R|20}}per ben seguir ragione, ètte promesso!
Ma che? ’n obbria l’hai messo,
troppo seguendo el tuo gioven volere.
</poem>
147 110

contributi