Differenze tra le versioni di "Rime (Guittone d'Arezzo)/Messer Bottaccio amico, ogn'animale"

m
Alex_brollo: split
m (Alex_brollo: match)
m (Alex_brollo: split)
</div></onlyinclude><!-- a qui -->{{Qualità|avz=75%|data=13 settembre 2008|arg=poesie}}{{IncludiIntestazione|sottotitolo=Messer Bottaccio amico, ogn'animale|prec=../O motto vile e di vil cor messaggio|succ=../Se vole, amico, amor gioi a te dare}}
 
==[[Pagina:Guittone d'Arezzo – Rime, 1940 – BEIC 1851078.djvu/226]]==
{{Ct|f=100%|v=1|t=2|L=0px|154}}
{{Ct|f=90%|v=1|L=0px|lh=1.2|Rimprovera all’amico messer Bottaccio di non ben seguire umana dirittura.}}
 
<pages index==[[Pagina:"Guittone d'Arezzo – Rime, 1940 – BEIC 1851078.djvu/" from=226]] to=227 fromsection=s2 />
 
<poem>
Messer Bottaccio amico, ogn’animale
dico razionale,
in quanto ten ragion di sua natura;
e om, ch’ha legge e ragion naturale,
{{R|5}}ben cernendo da male,
e in disragionata opera dura,
dico piò d’onne bestia è bestiale.
Ô onta e danno, a tale,
ragion; ché non ragion, ma voler cura.
{{R|10}}No scienza aver, ma scienza operar, vale;
e matt’è via più quale,
se mal fa, piò sa arte o iscrittura.
E voi, messer, che non bestial figura,
ma cara, umana e pura,
{{R|15}}de gran lignaggio e grandi amici sete,
ahi, che gran torto avete,
non ben seguendo umana dirittura!
</poem>
==[[Pagina:Guittone d'Arezzo – Rime, 1940 – BEIC 1851078.djvu/227]]==
<poem>
Mercé donque: se già montar volete,
non deletto seguete,
{{R|20}}ma sol vertù, ch’ogni dificio mura,
o’ pregio e amor dura;
vizio d’onni ben strugge onni parete.
</poem>
146 655

contributi