Differenze tra le versioni di "Rime (Guittone d'Arezzo)/Doglio e sospiro di ciò che m'avvene"

m
Alex_brollo: split
m (Alex_brollo: match)
m (Alex_brollo: split)
 
</div></onlyinclude><!-- a qui -->{{Qualità|avz=75%|data=13 settembre 2008|arg=poesie}}{{IncludiIntestazione|sottotitolo=Doglio e sospiro di ciò che m'avvene|prec=../Se solamente de lo meo peccato|succ=../Fera ventura è quella che m'avvene}}
 
==[[Pagina:Guittone d'Arezzo – Rime, 1940 – BEIC 1851078.djvu/204]]==
{{Ct|f=100%|v=1|t=2|L=0px|122}}
{{Ct|f=90%|v=1|L=0px|lh=1.2|Proprio mentre crescon le bellezze della donna vien meno la sua fortuna.}}
 
<pages index==[[Pagina:"Guittone d'Arezzo – Rime, 1940 – BEIC 1851078.djvu/" from=204]] to=204 fromsection=s2 />
 
<poem>
Doglio e sospiro di ciò che m’avvene,
che servo voi, soprana di biltate,
ed in redoppio mi tornan le pene;
{{R|4}}e voi, madonna, di ciò non curate,
anzi mi date doglia, che mi tene
e che m’ancide, se voi non m’atate.
Sospira ’l core, quando mi sovvene
{{R|8}}che voi m’amavi, ed ora non m’amate.
E non è meraviglia s’eo mi doglio,
ché la ventura mia tuttor disvene,
{{R|11}}e le bellezze vostre van doppiando.
Quando mi penso il tempo ch’aver soglio,
in disperanza m’torna tutto ’l bene,
{{R|14}}e li conforti me ne van mancando.
</poem>
147 106

contributi